Neve al Sestriere. LE FOTO Sabato 30 gennaio tutti gli impiati aperti

_DSC0196

SESTRIERE – Sabato 30 gennaio, in una stagione 2015/2016 condizionata dalla scarsità di precipitazioni nevose e da temperature primaverili, Vialattea ha aperto tutti i collegamenti del comprensorio sciistico. Mancava all’appello quello che dal Monte Fraiteve porta all’area di Sansicario che a sua volta collega Cesana Torinese a Claviere e Monginevro.

Ma facciamo un passo indietro esattamente un mese fa. Era il 30 dicembre 2015 chi non ricorda la pittoresca immagine: le piste bianche dell’innevamento programmato in mezzo a boschi e prati brulli? Si sciava su poche piste confinati, per causa di forza maggiore, in una stazione turistica.

In 30 giorni lo scenario è cambiato, almeno in parte, sono arrivate un paio di nevicate di limitata intensità. Si è registrata qualche giornata di freddo, quello vero, anche se adesso le temperature sono decisamente più alte rispetto alla media stagionale. L’inverno, per ora, è solo una questione di calendario, non certo riscontrabile nelle condizioni climatiche.

Tuttavia il 30 gennaio 2016 sono stati aperti tutti i collegamenti nonostante il trend meteorologico non sia mutato. Per capire la situazione basta rivolgere lo sguardo al Monte Fraiteve o all’area del Banchetta, solitamente in questo periodo ricoperti da un paio di metri di coltre nevosa, oggi desolatamente spogli. Vialattea è intervenuta ogni qualvolta possibile con l’innevamento programmato (non serve solo il freddo ma anche condizioni di umidità dell’aria e di vento ideali), recuperando neve da riportare sulle piste con i battipista, innevando con il proprio personale munito di pale le linee delle sciovie.

Una stagione difficile per tutti, per l’industria della neve, l’indotto che vi ruota attorno e per l’intero sistema turistico. Una realtà con cui stanno facendo i conti la maggior parte stazioni italiane dell’arco alpino. Ciononostante in Vialattea è possibile sciare in condizioni apprezzabili considerando che si scende lungo pendii innevati al 35% da neve naturale e al 65% da quella programmata. Sabato 30 gennaio l’intero comprensorio Vialattea presentava 55 impianti aperti (compreso Monginevro), 88 piste, una quota neve da 20 a 40 cm. Quattro le aree di allenamento messe a disposizione degli Sci Club ed una pista dedicata alle prime gare giovanili di stagione.

La gallery allegata a questo link, scattata sabato 30 gennaio 2016, descrive un giro sul comprensorio partendo da Sestriere sino a Claviere utilizzando 21 impianti di risalita per un dislivello di 4.434 metri. Comunque una giornata sugli sci vissuta intensamente, se guardiamo al bicchiere mezzo pieno, sorprendentemente positiva pensando all’inverno che stiamo attraversando.