Notte Bianca: le critiche di CambiAMO Giaveno CambiAMO Giaveno: "Abbiamo ricevuto molte lamentele da parte di alcuni commercianti e artigiani."

cappuccio

GIAVENO – Si è svolta nella serata dello scorso sabato 2 luglio la Notte Bianca di Giaveno. La manifestazione ha suscitato a posteriori alcune critiche in merito alla sua riuscita, al riguardo giunge il Commento di Alessandro Cappuccio di CambiAMO Giaveno: “CambiAMO Giaveno è rimasta delusa dall’organizzazione della notte bianca del 2 luglio 2016. Sappiamo che la partita dell’ Italia, aggiunta ad altre manifestazioni nei comuni vicini e il maltempo, non hanno aiutato l’afflusso a questo evento, ma abbiamo ricevuto molte lamentele da parte di alcuni commercianti e artigiani. Le lamentele in questione si possono classificare in due tipologie, la prima relativa alla scarsa pubblicità nel nostro comune e in quelli limitrofi, poca visibilità sui social network, quasi nulla sui giornali e soprattutto, nessun calendario consegnato nel nostro comune e nei comuni vicini. Tutto questo anche a causa del nostro ufficio turistico chiuso da mesi, non possiamo lasciare Giaveno senza di esso: è una sconfitta per chi amministra Giaveno. Per i cittadini e turisti, la sua chiusura è un mancato punto di riferimento e di informazione necessario, oltre che creare un disservizio assoluto e continuato. La seconda tipologia è gestione non organizzata/disposta su tutta Giaveno. Centro storico alto sempre abbandonato, non invogliando le persone a raggiungerlo e alcune strade chiuse che potevano essere usufruite meglio per quanto riguarda i parcheggi. Un’ennesima occasione persa, visto l’ assoluto caos organizzativo e la poca evidenza data alle associazioni o gruppi, che potevano meglio animare le varie postazioni. Per noi sarebbe stato meglio il coinvolgimento di tutto il centro storico, con le attività commerciali connesse, mini eventi organizzati dai gruppi, associazioni e compagnie teatrali, un’ armonizzazione delle bancarelle con maggior accompagnamento per tipologia e non mischiare attività mangerecce con altro. Non si capiva se si trattasse di una fiera mal riuscita e poco partecipata, un mercato “allungato”, o altro.”