Novalesa celebra tre donne in viaggio: Adelaide di Susa, Cristina di Francia e Filippina de Sales La scrittrice Piera Rossotti presenta il suo libro su Filippina de Sales.

filippina-de-sales

NOVALESA –  Sabato 23 settembre 2017 alle 16.00 in Via Maestra a Novalesa alla vigilia della Festa della Patata e della toma che si terrà tutta la domenica con la vendita di prodotti locali da parte dei novalicensi, l’associazione “Arte, Cultura e Tradizioni a Novalesa in Val Cenischia”, in collaborazione con gli “Autori Associati della Savoia e dell’Arco Alpino”, il “Teatroinsieme di Susa”, e la Proloco di Novalesa, organizza un evento per celebrare il viaggio di tre donne protagoniste della storia piemontese che hanno lasciato un’impronta proprio a Novalesa: Adelaide di Susa, Cristina di Francia e Filippina de Sales.

 Adelaide di Susa:

La storia della città di Susa è legata profondamente ad Adelaide.

Sposando in terze nozze Oddone, figlio di Umberto I Biancamano, conte di Savoia, diede origine alla dinastia sabaudia in Piemonte e su tutto il territorio alpino.

Aveva un carattere forte, al bisogno puniva pesantemente anche vescovi e personaggi importanti, mentre premiava generosamente le nobili imprese. Amava ed incoraggiava le arti gentili: trovatori e menestrelli erano sempre i benvenuti nella sua dimora, ma voleva che i loro canti fossero incentrati sempre sul valore, sulla religione e sulla pietà.

Nel dicembre del 1091 Adelaide di Susa morì e fu sepolta nella chiesa di Canischio, un piccolo villaggio sopra Cuorgnè, nella Valle dell’Orco, dove si era ritirata.

Cristina di Francia

Nacque nel 1606, figlia di Enrico IV re di Francia e di Maria de’ Medici. Non ancora dodicenne, venne promessa in matrimonio al principe di Piemonte Vittorio Amedeo.

Il matrimonio fu celebrato privatamente nel 1619, al Louvre. Ma il padre dello sposo, Carlo Emanuele I° il Grande volle una festa bellissima e sfarzosa in una cornice stupenda: il Moncenisio. In pochi giorni fece costruire una grande casa presso il lago. L’intero arredamento ed il vasellame furono portati da Torino. Venne dato un grande banchetto. E sul lago organizzò una grande battaglia navale.

Si poterono ancora vedere i ruderi di questa casa fino a quando le acque della diga li inghiottirono per sempre.

 Filippina de Sales

Nonna di Camillo Benso, Conte di Cavour. La rivoluzione francese, l’impero napoleonico, gli sfarzi della corte di una sensuale Paolina Bonaparte. I ricchi salotti nobiliari e la miseria popolare in una Torino travolta dalle occupazioni francesi e austriache.

Grandi eventi e vita quotidiana si intrecciano nel diario intimo di Filippina de Sales, Marchesa di Cavour. Mezzo secolo di storia di una grande famiglia narrata da “una nonna nobile e un po’ “giacobina”, come affettuosamente la definisce il giovane, ma già irruente nipote Camillo.

Ci sarà poi la presentazione del libro di Piera Rossotti, scrittrice ed editrice, intitolato “Il diario intimo di Filippina de Sales, Marchesa di Cavour”, nella Tavernetta dell’Albergo della Posta.

Seguirà, su prenotazione, un apericena a prezzo modico in conclusione a questo bel pomeriggio che ci riservano i protagonisti.

Info e prenotazioni

  •  al numero 0039 320 63 47 337
  • Prenotazioni per l’apericena presso il ristorante La Posta 0122 65 32 45.