Novalesa è il paese della Toma e della patata (LE FOTO) Un successo la XII Fiera

novalesa-3

di CORRADO MARTINELLI

NOVALESA – Il Comune di Novalesa, in collaborazione con il gruppo ANA, la Pro Loco, la squadra AIB (Associazione Incendi Boschivi), il Museo Etnografico e la Banda Musicale, ha organizzato la XII Fiera della Patata e della Toma per le giornate di sabato 17 e domenica 18 settembre. Nel pomeriggio di sabato, presso il Salone Polivalente, è stato presentato da Fabrizio Arietti e Luigi Cantore Profumo di Resina – 100 Anni di Moncenisio (romanzo storico scritto da Fabrizio Arietti, la cui storia ha ispirato l’omonimo film di Luigi Cantore). La storia è un intrecciarsi di passioni umane e vicende storiche a cavallo tra Ottocento e Novecento, che vede come protagonista una giovane coppia di sposi francesi che decide di emigrare in Toscana; in seguito al transito per il valico del Moncenisio durante il viaggio, attraverso un concatenarsi di coincidenze, si consolidano i legami tra il luogo del Moncenisio e le generazioni successive, dalla seconda guerra mondiale, agli inizi della resistenza partigiana, fino agli anni Novanta. Alla sera, è stata organizzata la cena dalla Pro Loco e, in seguito, una serata musicale ad opera della Banda. La giornata di domenica 18 ha avuto inizio con l’apertura del Salone del Libro allestito, a causa del tempo instabile, nell’atrio della scuola elementare Maestra Angiolina Chiapusso, corrispondente alla sede del Municipio di Novalesa e della biblioteca comunale, con l’esposizione di libri, saggi ed opere, centrati sul tema principale del Moncenisio e, in generale, della cultura del Piemonte, organizzato dal Presidente dell’AASAA Francis Buffille e dal Segretario e Tesoriere Pierre Allio. Ricordiamo a questo proposito alcune delle opere esposte, talune elaborate dallo stesso Presidente Buffille, tra cui ricordiamo Le Alpi, barriera o legame?. Ha collaborato al salone anche Lodovico Marchisio (oltretutto autore di ben 24 libri pubblicati), visto come protagonista nel libro di Laura Scarmozzino L’uomo che salvava le anatre ed inseguiva il Big Bang (biografia dello stesso Marchisio in una chiave “surreale”, che evidenzia il suo amore innato per le persone e gli animali in genere). Nello stesso salone Paola Tirone, curatrice degli aspetti toponomastici ed etnografici, ha esposto alcune delle sue opere, tra cui ricordiamo le Escursioni in Valle di Susa, Le Valli del Moncenisio e l’Orrido di Chianocco. Fabrizio Arietti ha presentato, oltre al libro Profumo di Resina – 100 Anni di Moncenisio sopra citato, una raccolta di memorie intitolata Moncenisio 1933-1960 – Memorie e cronache di confine. Pierangelo Chiolero ha esposto alcuni dei suoi saggi e romanzi, fra cui Passaggio al Moncenisio, Il marinaio della RAMB III, quest’ultimo romanzo storico dedicato allo scrittore Giorgio Faletti. La scrittrice Lidia Castrini Munafò (vincitrice del Premio Fedeltà congiunto ad un volume di pregio in omaggio consegnatole in occasione del XVIII Salone Internazionale del Libro al Moncenisio) ha avuto occasione di esporre alcuni dei suoi saggi, racconti legati alla guerra e descrizioni suggestive della natura: tra le sue opere citiamo Il Profumo delle Rose Antiche, Fragili Armonie della Natura, Figli del Sole e del Vento, ed Il Bambino che sognava gli Angeli. In contemporanea al salone del libro, è stata allestita accanto la Fiera della Patata e della Toma negli spazi esterni adiacenti al Municipio, con la preparazione di bancarelle e stand di vendita di prodotti locali di genere alimentare e artigianale, con l’intrattenimento della Banda Musicale di Novalesa nel pomeriggio di domenica 18. Nel corso della giornata è stata data al pubblico la possibilità di visitare apertamente il Museo, la Chiesa e la Cappella della Confraternita e la Casa degli Affreschi, quest’ultima ospitante la mostra di pittura dei paesaggi naturali di Ivo Bonino Germogliare dalla Terra – Emergere dalle Acque (in esposizione dall’11 settembre al 2 ottobre). In occasione dell’evento ringraziamo il Presidente dell’AASAA Francis Buffille, il Segretario e Tesoriere Pierre Allio, il Sindaco di Novalesa Tullio Faletti, il Consigliere Comunale e Assessore alla Cultura Ezio Rivetti, il rappresentante del Gruppo Regionale Piemontese del CAI Lodovico Marchisio e tutti gli autori e scrittori sopra citati che hanno partecipato e collaborato all’attività; si ringrazia, infine, l’AASAA per il pranzo offerto agli scrittori al ristorante delle Alpi di Novalesa.