A Novalesa si festeggia Sant’Eldrado Domenica la processione con la reliquia del Santo

processione1

NOVALESA – Fervono i preparativi per i festeggiamenti di Sant’Eldrado, patrono del paese, che si celebra ogni anno il 13 marzo.

La Festa di Sant’Eldrado

Domenica 12 marzo alle ore 09.30 si terrà la processione dalla Chiesa Parrocchiale di Santo Stefano alla Cappella di Sant’Eldrado con l’urna delle reliquie.

Sant’Eldrado

I reperti storici testimoniano che Eldrado nacque nella seconda metà del VIII secolo da una famiglia benestante. Rimasto orfano da ragazzo, decise ben presto di rinunciare ai beni materiali ereditati in favore dei poveri. Indossò una tunica e, dopo un lungo pellegrinare, giunse a Novalesa passando dal Moncenisio e qui, nel Monastero, chiese di essere accolto. Dopo alcuni anni di permanenza nell’abbazia, fu eletto abate e ricoprì il ruolo per circa trenta anni. Sembra che morì il 13 marzo del 844, proprio a Novalesa: i suoi resti sono conservati nell’urna-reliquiario che viene portata dai novalicensi in processione.

Affresco di Sant’Eldrado

La devozione per il Santo fu grande nei secoli: ancora oggi si può ammirare su di una parete del chiostro dell’abbazia un antico affresco che presenta, a lato di Gesù Cristo, proprio  Sant’Eldrado che guida una donna.

Affresco Sant'Eldrado - Foto: Abbazia di Novalesa