Nuovo allestimento della Collezione permanente del Castello di Rivoli

arte

RIVOLI – Il nuovo allestimento propone opere classiche della nostra Collezione in sale monografiche dedicate agli artisti Franz Ackermann, Alighiero Boetti, Daniel Buren, Janet Cardiff & George Bures Miller, Maurizio Cattelan, Nicola De Maria,Olafur Eliasson, Lara Favaretto, Bertrand Lavier, Richard Long, Mario Merz, Marisa Merz, Giulio Paolini, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto e Alexandra Sukhareva. Ideato dal direttore entrante Carolyn Christov-Bakargiev in collaborazione con il Capo curatore Marcella Beccaria, questo percorso presenta capolavori della Collezione permanente nonché acquisizioni recenti della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT in deposito al Museo.

Il progetto di restauro e riallestimento di opere, riproposte al pubblico dopo un’attenta conservazione, proseguirà nel 2016 con la seconda parte del percorso in cui saranno allestite opere e nuove acquisizioni, tra le altre, di Giovanni Anselmo, Jannis Kounellis, Fabio Mauri, Haim Steinbach, Adrian Villar Rojas e Gilberto Zorio. Il rinnovato percorso privilegia una scelta di importanti opere che hanno segnato il corso della storia dell’arte contemporanea. Organizzato attraverso una serie di sale monografiche al primo e secondo piano dell’edificio storico del Museo, il riallestimento è scandito dalla presenza di opere storiche e recenti degli artisti che, alla fine degli anni Sessanta, a Torino hanno dato vita all’Arte Povera. Nelle prime Sale 15 e 16, Giulio Paolini è presente con importanti opere storiche come 1/25, 1965 e Primo appunto sul tempo, 1968 allestite in dialogo ad Apoteosi di Omero, 1970–71. Nella Sala 14, si incontra Novecento, 1997, l’iconico cavallo appeso di Maurizio Cattelan. Nella seguente Sala 13, oltre al ricamo Tutto, 1987-1988, di Alighiero Boetti sono allestite Mancorrente, Zig, Zag, Scala e Sedia del 1966, alcune tra le opere realizzate dall’artista in occasione della sua mostra di esordio presso la galleria Christian Stein a Torino.

Nella Sala 12, Steinway & Sons, 1987 è un pianoforte che, dipinto da Bertrand Lavier, è sottratto alla sua funzionalità diventando opera pittorica. Il nuovo allestimento sottolinea lo stretto dialogo culturale e di vita che per decadi ha legato molti protagonisti dell’arte italiana con figure internazionali come Daniel Buren di cui, nella Sala 8, è allestita La Cabane éclatée n. 3, travail situé (La capanna esplosa n. 3, opera situata), 1984. Nella torre del Castello, la Sala 9 ospita Swallow Incised the Sky(Rondine che ha inciso il cielo), 2015, il nuovo allestimento composto da tre specchi di Alexandra Sukhareva, giovane artista che indaga la realtà con la passione scientifica di un chimico. Quest’opera è tra le più recenti acquisizioni effettuate dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT e affidate in deposito al Museo. Nella Sala 10, l’idea dell’efemeralità di un oggetto nel tempo è proposta da Lara Favaretto con l’installazione Solo se sei mago, 2006, coriandoli bianchi ammassati a formare un cubo. Nella Sala 6 si viaggia idealmente con le opere di Franz Ackermann, tra cui Mental Map, 2008 e Unsafe Ground II (Terreno non edificabile II), 2001. Segue, nella Sala 5, un riallestimento delle opere in Collezione di Michelangelo Pistoletto con alcuni capolavori storici tra cui Lampadina, 1962-1966, una delle prime opere specchianti dell’artista, e la celebreVenere degli Stracci, 1967, che torna a dialogare con Persone Nere, 1984 e la monumentale Architettura dello Specchio, 1990. Nell’adiacente Sala 17, una grande carta Senza titolo del 1985 di Marisa Merz testimonia l’incessante visionarietà poetica dell’artista torinese.

Nella Sala 1, è riallestito il cerchio di pietre Romulus Circle (Cerchio di Romolo), 1994, di Richard Long, tra i protagonisti della Land Art che medita sul rapporto tra esperienza personale e natura. Il percorso espositivo sottolinea la forza di artisti che dagli anni Ottanta, lo stesso periodo nel quale è stato fondato il Museo al Castello di Rivoli (1984), hanno rinnovato i linguaggi artistici della pittura. Tra questi, i colori intensi di Cinque o sei lance spezzate a favore del coraggio e della virtù, 1982-1985, ambiente ideato da Nicola De Maria per questo spazio e ripristinato nel 2010, assumono caratteri di spiritualità gioiosa grazie al nuovo allestimento raccolto appena eseguito dall’artista.

Al secondo piano, la forza prorompente dell’incontro tra natura e cultura, architettura, tempo e vitalità, di Mario Merz, è raccontata attraverso l’installazione Architettura fondata dal tempo – Architettura sfondata dal tempo, 1981, nella Sala 33. L’adiacente Sala 18 ospita nuovamente l’universo di luce e movimento dell’artista Olafur Eliasson The sun has no money (Il sole non ha soldi), 2008, che costituisce una profonda riflessione sull’abbondanza di un’energia condivisa e gratuita preludendo a un possibile mondo futuro. Questo capolavoro della Collezione permanente rappresenta uno dei maggiori restauri appena compiuti dal Museo. Tornando verso le Sale 20 e 21, l’emozione della simbiosi tra esseri viventi umani e vegetali, alla base del pensiero e delle opere di Giuseppe Penone, è esperibile attraverso l’avvolgente installazione permanente Respirare l’ombra, 1999, di foglie d’alloro ed elemento in bronzo, al cui interno l’artista ha ora allestito altre opere: Soffio di creta H, 1978 e Pelle di foglie (Sguardo a terra), 2003. La Sala 21 presenta nuovamente un’opera altamente iconica dell’artista, Albero di 11 metri, 1969–1989.

Infine, nella Sala 32, i visitatori possono accomodarsi all’interno di The Paradise Institute (Istituto Paradiso), 2001 di Janet Cardiff & George Bures Miller, opera appena restaurata e ricollocata nella Sala dove originariamente fu posizionata dagli artisti. Sovrapponendo realtà e finzione, questa grande installazione creata a cavallo del nuovo millennio all’inizio dell’era digitale, riflette sull’esperienza cinematografica che ha caratterizzato il ventesimo secolo.