Oggi L’Agenda News spegne la sua prima candelina

immagine-fb-21

Siamo arrivati ad un anno dall’uscita sul web del nostro giornale. Dodici mesi per più di 4 mila articoli corredati da 10 mila fotografie. Una linea editoriale chiara, una redazione puntuale, un gruppo di collaboratori sul territorio animato da curiosità, intelligenze e professionalità. Alcuni hanno cominciato con noi, ed hanno deciso per altre strade, li rimpiangiamo; altri sono arrivati e tutti i giorni si ricordano che i lettori de L’Agenda li attendono.

Non siamo conformisti in un territorio che ormai lo è per convinzione, per opportunità o per una manciata di voti. Non siamo conformisti perchè siamo curiosi, perchè una notizia è tale solo se vista da più angolazioni. Siamo indipendenti, ma sia chiaro, non significa infallibili. Come tutti, possiamo e ci siamo sbagliati. Ma sono sbagli puliti, che la libertà di cui godiamo ci permette di rettificare appena li riconosciamo. E’ già successo per errore di lanciare una “bufala” nell’etere e poi rimpiangere di averlo fatto. E’ successo di ricevere complimenti, lodi, insulti e disistima; fortunatamente le prime non ci esaltano le seconde non ci abbattono.

Ogni giorno impariamo una piccola lezione. Leggiamo con attenzione i giornali di carta. Ma abbiamo tempistiche e spazi diversi. Noi siamo piccoli, “giovani” e con pochissima visibilità di fronte a “colossi” radicati della carta stampata come La Valsusa e Luna Nuova. Ne abbiamo rispetto e speriamo di meritarci il loro. Sapevamo che avremmo avuto davanti a noi uno spazio d’informazione nel web, e che questo si sarebbe dovuto conquistare con molta fatica. Così è stato, i dati ci confortano e ci spronano ad aumentare ancora di più le nostre fatiche.

Dopo questo “anno zero” ci sentiamo di ringraziare due categorie senza le quali il nostro lavoro sarebbe stato vano. I primi sono i lettori che ogni giorno ci seguono, sono sempre di più e con sempre più lunghi tempi di lettura. Il nostro impegno è solo per loro, con pecchiamo di presunzione e non godiamo a guardarci allo specchio. I secondi sono gli inserzionisti; sono sempre di più numerose le attività che hanno deciso di spendere con noi le loro risorse perchè, evidentemente, sanno che si legano ad un prodotto professionale, serio ed autorevole.

Oggi, come ogni giorno, cominciano altre pagine da riempire con notizie, cronache, informazioni e attività. Tutte per voi che ci leggete da un anno!!!