Osservatorio sul Tav: Giaveno decide, Giacone si astiene

giacone

GIAVENO – Lunedì 30 novembre si è riunito il consiglio comunale con all’ordine del giorno diversi punti d’attualità, di gestione e una serie di interpellanze da parte delle minoranze. Tra il pubblico era presente una delegazione di Forza Nuova che ha protestato vivacemente contro l’amministrazione che a suo dire ha tolto impropriamente una bacheca che il movimento politico usava in paese. Il gruppo “Per Giaveno”, composto da Stefano Tizzani, Daniela Ruffino e Giovanni Mellano Garda è poi intervenuto sull’attuazione della proposta dell’Associazione Libera.  Del problema sulla sicurezza delle scuole si è parlato grazie ad un’interpellanza sull’argomento. Il punto successivo, quello di maggiore importanza politica, ha avuto per tema l’uscita del comune di Giaveno dall’Osservatorio che cura i rapporti tra Enti e Stato sui lavori di realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità da Torino a Lione. A proporre questa svolta è stato l’unico rappresentante in Consiglio comunale del Movimento 5 Stelle Federico Giovale Alet. La mozione è passata grazie  al voto favorevole di tutta la maggioranza del gruppo “Per Giacone” e di Vilma Beccaria, rappresentate del Pd. Contro i tre di “Per Giaveno”, Concetta Zurzolo e Alessandro Cappuccio. Il sindaco Giacone non si è espresso su un tema così centrale, astenendosi. D’interesse anche la votazione sui rappresentanti che andranno nell’Unione dei Comuni della Valsangone che accoglierà anche il comune di Reano. A tale ruolo sono stati designati i consiglieri Maria Paola Alfonso e Federico Giovale Alet.