Oulx, trovato in Dora il cadavere di una donna scomparsa due anni fa Si tratta di una torinese, con problemi psichiatrici, che si era allontana da un centro di assistenza

OULX – I Carabinieri della Stazione di Oulx, questa mattina, grazie alla segnalazione di un passante hanno rinvenuto sulla sponda della Dora Riparia i resti incompleti di un cadavere. Il medico legale intervenuto sul posto ha accertato essere i resti di una donna deceduta da diverso tempo.

Dagli accertamenti svolti dai militari dell’Arma e dai primi rilievi, si è giunti alla sua rapida identificazione. Del corpo rimangono pochi resti; parte delle scheletro con brandelli di vestiti e un marsupio nel quale sono stati trovati però i documenti d’identità.

Si tratta di una donna, Sandra Lozupone, 56 anni al momento della sua sparizione, con problemi psichiatrici, che aveva lasciato il centro di assistenza della Cooperativa Frassati di Torino, una coop sociale che si occupa delle persone con fragilità e problemi comportamentali, scomparsa senza farvi più ritorno nel febbraio di due anni fa.

La segnalazione della scomparsa era partita immediatamente,  ma le ricerche si erano circoscritte al capoluogo torinese, perché non si era certo pensato che la donna potesse arrivare in Alta Valsusa.

I Carabinieri stanno ultimando le indagini per avere un quadro preciso della dinamica della morte che, secondo il patologo legale intervenuto sul posto, sarebbe ancora da chiarire mentre è evidente che il corpo sarebbe poi stato divorato da animali selvatici.