Palombari e sommozzatori del COMSUBIN per 4 giorni in addestramento ad Avigliana Gli uomini del Corpo d'Elite della Marina, che ha ispirato i "Seals" USA al lavoro nel lago da oggi

mm-sommozzatori-58558-660x368

AVIGLIANA – Sommozzatori e palombari del Comando subacquei e incursori della Marina, unità di élite che ci viene invidiata in tutto il mondo, per tutto il week-end sono in addestramento nel Lago Grande di Avigliana. Un avvenimento eccezionale per vederli all’opera. Sono gli eredi dei gruppi di incursione subacquea della  Prima guerra mondiale: dei piloti dei MAS e dei “maiali” della  Regia Marina.  Quelli che poi  alla fine degli anni ’30, dopo l’impiego sperimentale – si costituirono a La Spezia come Iª Flottiglia MAS.

I successi ottenuti da questi uomini in azione nel corso del secondo conflitto mondiale, tuttora sono analizzate dalle forze speciali di tutto il mondo, in particolare, riuscendo ad infiltrarsi nelle basi della Royal Navy avversarie site nella baia di Suda, Gibilterra, Alessandria d’Egitto.

Dopo la Guerra le loro missioni furono studiate da tutte le Marine, e i mitici Navy Seals americano furono istituiti proporio ispirandosi agli incursori italiani. Lo scorso anno un sottuficiale Un Sottufficiale del Gruppo Operativo Incursori (G.O.I.) del Raggruppamento Subacquei ed Incursori della Marina Militare si è classificato al primo posto alla competizione ICASD (International Concentration for Advanced Sniping), tenutisi a Gibuti.

Con oltre 165 anni di storia i palombari della della Marina Militare son ofra i più vecchi specialisti delle nostre Forze Armate.  Oggi questi uomini sono integrati nel Gruppo Operativo Subacquei posto alle dipendenze del Raggruppamento Subacquei ed Incursori “Teseo Tesei” (COM.SUB.IN. – Comando Subacquei ed Incursori) con sede a La Spezia.

Per svolgere le diverse missioni che gli vengono affidate il G.O.S. ha alle sue dipendenze il Reparto Pronto Impiego ed i Nuclei S.D.A.I. (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi, dislocati su tutto il territorio nazionale). Le missioni assegnate dalla Marina Militare al Gruppo Operativo Subacquei sono condurre qualsiasi genere di intervento subacqueo, anche  in alto fondale (fino a profondità superiori ai 1.000 m); soccorrere gli equipaggi dei sommergibili in difficoltà mediante le apparecchiature subacquee di Nave Anteo; effettuare la bonifica subacquea di qualsiasi ordigno esplosivo, convenzionale od improvvisato.

Ma il Gruppo Operativo Subacquei, che rappresenta un punto di forza nonché elemento di orgoglio per la Marina Militare Italiana,  grazie alle sue capacità viene impiegati sia in attività a tutela dei beni archeologici subacquei, sia  in complesse operazioni di protezione civile. Tali peculiarità rendono la componente subacquea un vero e proprio strumento “dual use” al servizio della collettività. Solo per citare gli ultimi e più notio interventi, il G.O.S. è intervenuto nelle recenti emergenze del Costa Concordia e del crollo della “torre piloti” nel porto di Genova: E ovviamente ha prestato la propria opera in vari teatri internazionali come forza di supporto alle nostre missioni all’estero. E come tutte le Forze Speciali, operano anche a terra, lontano dal loro elemento.

I Marinai sono arrivati ieri ad Avigliana e hanno trovato sistemazione  logistica presso il Diving Center “Tommaso Vescera – Valrnessa Sub” sul Lago Grande di Avigliana.

Oggi sono già in corso le addività addestrative e di esercitazione in acqua che continueranno per tutta la giornata di domani, sabato 15. Alle 18.00 è prevista una conferenza aperta alle Scuole di Subacquea  presso il Rist0rante del Lago Grande “Pub Bel Sugné”  (per info 338.3628995).

Domenica 16 dalle 10.00 alle 17.00 in Piazzetta De André, presso la Stazione ferroviaria, mostra interattiva di materiale subaqueo Marina Militare e incontro aperto aperto con il pubblico.  Alle 11.30 Saluto di benvenuto ai Marinai del Sindaco e delle Associazioni.

j7e03lw