Parchi InForma, per coniugare ambiente e sociale

GRUGLIASCO – Partirà in questi giorni Parchi InForma, il progetto di formazione e inclusione sociale di persone insufficienti mentali attraverso la manutenzione, cura e pulizia delle aree verdi di Grugliasco. Parchi InForma è un progetto approvato e finanziato dalla Fondazione CRT nell’ambito del bando “Vivo meglio”, finalizzato al miglioramento della vita delle persone con disabilità. Il progetto coinvolge sette persone con insufficienza mentale lieve, media e grave e promuove l’autonomia, lo sviluppo di competenze e l’inclusione sociale. Si fonda sul riconoscimento del loro impegno nella manutenzione, cura e pulizia di aree verdi cittadine del territorio. Si comincerà con l’area verde di via Napoli 52, al capolinea del 76. L’iniziativa nasce dal confronto con gli enti pubblici e le organizzazioni associative, grazie al quale è emersa l’esigenza di agire su tre bisogni principali: riduzione della disoccupazione degli individui in posizione di svantaggio; sensibilizzazione dei giovani riguardo alle tematiche ambientali e al bisogno di un uso sostenibile delle risorse; offerta del proprio contributo alla comunità in modo da rispondere alla necessità di diffusione del senso di appartenenza e rispetto dei luoghi pubblici. Le persone inserite nell’iniziativa saranno coinvolte nelle attività di pulizia e manutenzione dei parchi comunali, con la raccolta di immondizia e il giardinaggio. In parallelo, verrà loro offerta la possibilità di creare manufatti artigianali prodotti con materiali di recupero, simbolo del riutilizzo dei rifiuti. Attraverso un video autoprodotto, l’esperienza verrà raccontata a tre classi pilota del territorio con l’obiettivo di sensibilizzare e diffondere il lavoro effettuato.  «La finalità del progetto “Parchi InForma” – ha affermato l’assessore all’ambiente Luigi Turco – è di stimolare lo sviluppo di legami di appartenenza comunitari, sia per gli utenti e i loro familiari coinvolti, sia per gli studenti che avranno la possibilità di diventare testimoni del lavoro svolto, riflettendo sull’importanza di un utilizzo consapevole e responsabile degli spazi pubblici. Allo stesso tempo si propone di sviluppare le competenze e le esperienze manuali fondamentali per queste persone». Il progetto sarà attivo da aprile a settembre 2016 e ha come capofila l’associazione grugliaschese SpecialMente Tu e come partner il comune di Grugliasco, la società Le Serre, la Città Universitaria della Conciliazione, l’associazione Futurino e Legambiente di Rivoli.