Con il Partito Democratico di Avigliana s’è parlato di lavoro e politiche sociali Presenti: Lepri, Valle, don Chiampo, Genovese, Archinà e Andreis

La serata del Partito Democratico

AVIGLIANA – Si è svolta il 9 febbraio l’incontro per titolo: “Le politiche sociali di Governo e Regione” organizzato dal Partito Democratico di Avigliana. E’ intervenuto il senatore Stefano Lepri, che ha ricordato come le prime necessità che il Governo ha dovuto affrontare, durante la legislatura appena chiusa, fossero di carattere economico. “Far ripartire la produzione industriale arrivata adesso a un più 5%, nell’ultimo anno, è il risultato migliore di quello raggiunto dagli altri paesi europei – ha detto Lepri- l‘export in aumento e così l’occupazione con un milione di posti di lavoro nel quinquennio 2014-2018, di cui più della metà a tempo indeterminato era fondamentale al fine di far riacquistare credibilità all’Italia, e soprattutto ha permesso a molte persone di far fronte, con il lavoro, a situazioni di necessità“.

Il lavoro svolto dal Governo a favore dell’occupazione

A questo proposito, il senatore ha evidenziato come un elemento fondamentale della protezione sociale sia la protezione dei lavoratori: sul punto ha ricordato le numerose riforme attuate, tra cui quella  che garantisce alle madri lavoratrici autonome un sostegno alla maternità che le rende ugualmente tutelate rispetto alle lavoratrici dipendenti; la legge sul contrasto al caporalato; la legge contro le cosiddette dimissioni in bianco; le nuove modalità di sostegno a chi perde il lavoro. Le altre misure legate alla protezione sociale di cui si è evidenziata l’importanza sono: reddito di inclusione, misura quasi universalistica che potrà far fronte a più di un milione e mezzo di situazioni di povertà, e per la quale il Partito Democratico propone, nel proprio programma, di raddoppiare gli stanziamenti.

Il Consigliere regionale Daniele Valle si è focalizzato sull’operato della Regione Piemonte, evidenziando come questa stia recuperando – pur nel rispetto del principio di sussidiarietà – un ruolo di guida nella gestione delle misure di protezione sociale. Le principali misure in programma per il prosieguo della legislatura sono: ridefinizione dei criteri di assegnazione delle case popolari, che tenga conto delle nuove necessità; nuove modalità di gestione delle situazioni di malattia che rendano individuale, personale e domiciliare il trattamento; integrazione fondi per i Centri per la Famiglia. Le misure già attuate sono, invece: aumento ed erogazione più immediata degli assegni erogati come sostegno per spese scolastiche alle famiglie in difficoltà; integrazione delle risorse per il Servizio Civile, già reso pressoché universale con legge dello Stato; una norma che obbliga il Piemonte a garantire alcuni appalti a società che diano impiego anche a soggetti con disabilità.

Sono poi intervenuti don Luigi Chiampo, presidente della Cooperativa Sociale Amico, Piero Genovese vicepresidente CON.I.SA, Andrea Archinà sindaco di Avigliana e Giuseppe Andreis presidente associazione Legame Sociale. Tutti sono stati concordi nell’evidenziare come le più grandi necessità non siano soltanto di carattere economico, e come sia necessario che la persona rimanga al centro di tutte le politiche sociali. Il sindaco Archinà ha inoltre elencato alcuni interventi di sostegno come i sussidi per mensa scolastica, i trasporti per gli anziani e le borse lavoro.