Polemiche sulla gestione della pagina facebook istituzionale della Città di Giaveno Per Giaveno: "La verità fa male alla maggioranza."

da sinistra: Tizzani, Ruffino e Mellano Gardada sinistra: Tizzani, Ruffino e Mellano Garda

GIAVENO – C’è bufera tra il Gruppo Consiliare “Per Giaveno” – Composto da Stefano Tizzani, Daniela Ruffino e Giovanni Mellano Garda –  e l’Amministrazione Comunale in merito alla gestione della pagina facebook istituzionale della Città di Giaveno, questione emersa in seguito alla recente divulgazione della  comunicazione di avvio dei lavori di restauro della Fontana della Venere. A seguire quanto affermato da “Per Giaveno”: <<La verità fa male alla maggioranza che, in violazione dei basilari principi di democrazia, cancella dalla pagina istituzionale della Città di Giaveno i post di replica dei Consiglieri di Minoranza Ruffino e Tizzani e blocca addirittura quest’ultimo dal poter scrivere sulla pagina istituzionale. Brutto episodio di intolleranza e mancanza di equilibrio posta in essere dal Sindaco e dalla sua maggioranza nella gestione della comunicazione istituzionale. Tutto parte da un  comunicato stampa in cui il Sindaco Giacone ed il Consigliere delegato Carbone annunciavano l’inizio dei lavori di restauro della Fontana della Venere, deturpata dall’opera di vandali e bisognosa di un intervento di restauro. Nel comunicato stampa, in ossequio all’usuale rito di accusare la passata Amministrazione di ogni tipo di mancanza, sullo stato della Fontana veniva  riportato testualmente: “Per parecchio tempo abbandonata e trascurata”. Più gravi ancora le accuse sulla pagina istituzionale Facebook del Comune di Giaveno in cui falsamente si afferma: “Questa Amministrazione comunale ha deciso di agire con un intervento importante di restauro su questa fontana storica in stato di abbandono da diversi anni… Ha avuto in tanti anni parecchi danni causati dal tempo e da continui atti di vandalismo, mai ripristinati…” Di fronte a tali dichiarazioni, palesemente false, il Consigliere Tizzani, per amor di verità, rispondeva pubblicando sul proprio profilo facebook pubblico e su quello della Città di Giaveno una smentita che si riporta di seguito: “Per giusta informazione sulla Fontana della Venere. Non bastava annunciare, ormai si annuncia di tutto tutti i giorni, che erano iniziati i lavori per il restauro della fontana, no, Giacone e Carbone dovevano per forza cercare di gettare ombre sul passato… Una foto da me scattata prima delle elezioni, dimostra però che la Fontana è stata lasciata dall’Amministrazione Ruffino in buone condizioni. Inaccettabile dunque quanto scritto nel comunicato stampa:”Per parecchio tempo abbandonata e trascurata”…abbandonata e trascurata, forse, proprio dal Sindaco Giacone e dal Consigliere Carbone. Questa foto è dell’aprile 2014, poco prima delle elezioni amministrative. La Fontana della Venere era in ottime condizioni ed era stata da poco oggetto di lavori di manutenzione, in particolare sulla vasca. Qualcun altro forse, successivamente, l’ha abbandonata, tanto che nel giugno 2015, come Gruppo Consiliare “Per Giaveno”, dispiaciuti per lo stato in cui versava, abbiamo depositato una richiesta di ripristino estetico funzionale della fontana, richiesta in cui si invitava inoltre l’Amministrazione ad interdirne l’accesso e dotarla di telecamere di sorveglianza. Finalmente, dopo un anno, partono i lavori. Questa è la buona notizia.” Allegata alla replica, la foto scattata nella primavera del 2014 da cui si evinceva incontrovertibilmente il buono stato di conservazione della Fontana; veniva altresì pubblicata la richiesta del gruppo Per Giaveno di intervento sulla fontana ed un articolo sull’inizio lavori contenente le frasi incriminate. In altro post su Città di Giaveno, venivano invece pubblicate le fotografie relative al concerto per la festa di Sant’Antero. Anche qui, in una gestione propagandistica della pagina, veniva immortalati più volte Sindaco, Assessori e Consiglieri di maggioranza. Presenti altresì le foto degli interventi di Sindaco e Vice-Sindaco. Nessuna documentazione della presenza della Vice-Presidente del Consiglio Regionale e Consigliere di Minoranza Ruffino  e del Consigliere Tizzani, come ci si sarebbe invece aspettati da una pagina istituzionale.Venivano quindi pubblicati da Tizzani e Ruffino due post in cui si prendeva atto con dispiacere che, in una pagina istituzionale, era stato omesso l’intervento pubblico di Daniela Ruffino, la quale aveva omaggiato sia il signor Anania, che da anni si premura di organizzare la tradizionale festa di S. Antero, sia Il Maestro Aldo Bunino della banda Leone XIII. Anche questi due post, come accaduto per quelli relativi alla Fontana della Venere, venivano scorrettamente cancellati. Sembra incredibile, ma invece di correggere quanto falsamente pubblicato sulla pagina istituzionale Città di Giaveno, il Sindaco e la sua maggioranza, che gestiscono la citata pagina in maniera decisamente partigiana e poco istituzionale, hanno provveduto esclusivamente a bloccare il Consigliere Tizzani ed a cancellare i post che sbugiardavano l’Amministrazione. Modalità di agire non nuova, pare, di chi amministra la pagina. Alcuni cittadini infatti, hanno anch’essi segnalato negli ultimi tempi l’impossibilità di pubblicare commenti sulla pagina istituzionale della città in quanto bloccati. Puniti anch’essi per aver “osato” scrivere commenti che, pur in modo educato, si ponevano in maniera critica verso l’operato dell’Amministrazione. E’ triste però constatare che, proprio chi riveste una carica istituzionale venga meno a quegli obblighi di corretta informazione e trasparenza che dovrebbero caratterizzare tale ruolo di responsabilità. Un gesto scomposto ed antidemocratico che, unito alla pessima gestione della pagina, rappresentano l’incapacità di Sindaco e maggioranza di rapportarsi e confrontarsi con i cittadini, con chi non la pensa come loro. Un  grave comportamento antidemocratico che sarà portato all’attenzione del prossimo Consiglio Comunale.>>

A seguire i citati allegati alla replica di “Per Giaveno”.

Fontana della Venere nel 2014

Fontana della Venere nel 2014

richiesta del gruppo Per Giaveno di intervento sulla fontana

Richiesta del gruppo Per Giaveno di intervento sulla fontana