Posate ad Avigliana le “Pietre di inciampo”

La pietra di BonoLa pietra di Bono

AVIGLIANA – Le “Pietre di inciampo” (Stolpersteine) sono un monumento diffuso e partecipato ideato e realizzato dall’artista tedesco Gunter Demnig per ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista. Stolpersteine è il primo monumento dal basso a livello europeo: sono state poste quasi 50.000 pietre d’inciampo in 1.100 località di 16 paesi europei; in Italia, le pietre sono presenti a Roma, Livorno, Prato, Ravenna, Brescia, Genova, L’Aquila e Bolzano e adesso anche in Valle ad Avigliana. Oggi nella città dei laghi ne sono state posate tre. La comunità ha voluto ricordare tre aviglianesi deportati nei lagher nazisti. In via San Pietro al numero 26 c’è quella dedicata a Suriani; corso Dora al 45 quella per Borello e in via Moncenisio al numero 53 quella di Bono. Il prossimo appuntamento è per giovedì 19 dalle 10 alle 12 all’auditorium Bertotto quando ci sarà la commemorazione ufficiale.