Rinasce la fontana di Salbetrand

altra_fontana_di_salbertrand_by_wildstray

SALBERTRAND. La fontana cinquecentesca di Salbertrand sta ritornando all’antico splendone grazie ai restauri giunti ormai in direzione d’arrivo dopo quattro settimane di lavoro. La colonna verticale della fontana, completamente smontata e trasferita all’interno dell’Ecomuseo Colombano Romean, trasformato per l’occasione in un attrezzato laboratorio di restauro, è stata oggetto di un attento intervento di recupero. Tutti gli elementi, inizialmente separati e puliti chimicamente e meccanicamente per rimuovere le concrezioni calcaree, sono stati riassemblati con l’ausilio di perni e resine epossidiche. A inizio settimana, dopo un’ulteriore sopralluogo della Soprintendenza, è stato ultimato il nuovo impianto idraulico e la colonna restaurata è stata riposizionata al centro della vasca. Nel frattempo, le superfici esterne delle quattro lastre di pietra della vasca sono state trattate per rimuovere le patine biologiche e le concrezioni calcaree. Con un lavoro minuzioso, utilizzando tecniche tradizionali, le giunzioni tra le pietre sono state stuccate e ripristinate con malta idraulica e le staffe metalliche fissate con piombatura. A sopresa, su uno dei lati minori del rettangolo, è apparsa una scultura a motivo floreale da secoli nascosta dalla vasca del lavatoio. Nei prossimi giorni verrà posizionato il “cappello” di copertura della colonna e verranno ripristinate le quattro cannelle di erogazione dell’acqua. Il restauro, finanziato dal Comune di Salbertrand, è eseguito dal restauratore Iacco Morlotti & Ditta Barrera-Moselli, il progetto è curato dal Consorzio Forestale Alta valle di Susa in collaborazione con l’Architetto Massimo Rigat e con l’Ecomuseo Colombano Roman.