Svolta a Rivalta, la città rientra nell’Osservatorio della Torino-Lione de Ruggiero: "Non esistono altri luoghi per difendere gli interessi dei rivaltesi"

Il municipio di RivaltaIl municipio di Rivalta

RIVALTA – Era il luglio del 2012 quando amministrazione di Rivalta propose, e si votò con la lista d’opposizione Sinistra Ecologia e Libertà, l’uscita dall’Osservatorio della Torino-Lione: in maggioranza c’era la lista “Rivalta Sostenibile”. La motivazione fu la “contrarietà concretamente manifestata in numerose mozioni del Consiglio Comunale“. E siamo a ieri sera, giovedì 27 luglio, con una svolta non da poco che regala nuovi equilibri su questo tema all’interno dei comuni dove passerà la nuova linea ferroviaria. Il sindaco de Ruggiero (PD) detta la nuova linea politica e una mozione nel consiglio ha dato mandato al primo cittadino di rientrare nell’organo tecnico; scontata l’approvazione, visto che il rientro nell’Osservatorio era parte integrante del programma della coalizione di centro-sinistra.

Il commento del sindaco

«Non esistono altri luoghi per difendere gli interessi dei rivaltesi – spiega de Ruggiero– rimanere sull’Aventino non porta a nessun vantaggio”. Nel testo della mozione si legge anche che: «la partecipazione all’Osservatorio permette di partecipare ad un confronto di merito sulla definizione del progetto, ferma restante la piena libertà dell’amministrazione di esprimersi in merito. E’ comunque l’unica sede in cui richiamare le posizioni del Comune di Rivalta, ribadire le ossercazioni tecniche, paesaggistiche e relative ai beni storici e artistici e inoltre sollecitare l’utilizzo delle linee ferriviarie esistenti e seguire la realizzazione della Sfm5, che rappresenta ad oggi un elemento prioritario e strategico per il trasporto pubblico locale”.