Rivalta, abbattuto lo storico tiglio di piazza Santa Croce La tomografia sonica aveva confermato lo stato di degradazione dell’albero

Il tiglio di RivaltaIl tiglio di Rivalta

RIVALTA – È stato abbattuto nella mattinata di mercoledì 18 ottobre uno dei quattro tigli di piazza Santa Croce a Rivalta Centro. L’albero (posto all’angolo tra via Umberto I e vicolo Millio), dopo un controllo fitostatico effettuato nel mese di giugno di quest’anno con la metodologia del Visual Tree Assessment, aveva evidenziato alcuni problemi che ne pregiudicavano lo stato di salute e la stessa tenuta. Una situazione che metteva a rischio l’area circostante in caso di crollo, anche parziale.

L’esame dell’albero

Una successiva tomografia sonica eseguita a fine estate, necessaria per stabilire mediante un quadro più completo della sezione dell’albero la sua stabilità, ha confermato lo stato di
degradazione e la necessità di procedere all’abbattimento. La relazione tecnica è depositata all’Ufficio Ambiente del Comune e chi ne fosse interessato può prenderne visione in orario di apertura al pubblico.

Purtroppo è stato necessario abbattere uno dei quattro storici tigli di piazza Santa Croce -ha detto l’assessore ai Lavori Pubblici e alle Aree Verdi Ivana Garroneperché lo stato di conservazione della pianta non dava sufficienti garanzie sulla sua tenuta statica e il rischio di un crollo era reale. Sappiamo quanto i rivaltesi siano affezionati alla piazza e agli alberi che ne delimitano il perimetro e appena possibile sostituiremo l’esemplare abbattuto con un nuovo tiglio per ridisegnare l’originaria simmetria dell’area“.

Il tiglio verrà infatti sostituito con un altro esemplare della stessa specie. Dimensioni della
nuova pianta e periodo favorevole per l’attecchimento verranno concordati con l’agronomo che ha eseguito le valutazioni delle alberature urbane. Verrà anche valutata la possibilità di recuperare il tronco per mantenere la memoria storica della pianta, così importante per la comunità rivaltese. Sul nuovo tiglio verrà posta una targa in memoria di Vittorio Pigay che tanto si è prestato negli anni per la cura e la valorizzazione del territorio rivaltese.