Rivalta, un primo abbozzo di progetto per il giardino del castello Il giardino si avvia a diventare la dodicesima sala della biblioteca

A Rivalta il Castello ospiterà la bibliotecaA Rivalta il Castello ospiterà la biblioteca

RIVALTA – Un primo abbozzo di progetto per il giardino del Castello è stato presentato sabato 6 maggio al maniero  degli Orsini, ormai avviato a diventare la nuova sede della biblioteca “Silvio Grimaldi” di piazza Martiri. Scaturite da un percorso partecipato sviluppato con cittadini, scuole, piccoli, giovani, meno giovani e Associazioni, le idee proposte  hanno riguardato il giardino che diventerà così la dodicesima sala della biblioteca.

Una casa sull’albero e uno spazio coperto dai più piccoli

Una casa su un albero creato ad hoc, con una scala in corda per salire, uno scivolo per scendere e tanti libri da condividere. Un spazio coperto da una cupola di vetro creata tutta intorno a un albero per studiare o leggere. Un centro di condivisione libri con omini giganti in legno, provvisti di una pancia capiente per custodire i libri e di un enorme ombrello per proteggerli. Sono queste alcune delle idee che i cittadini più piccoli hanno realizzato su carta o con modellini in pongo e che la Fondazione Fitzcarraldo prenderà in considerazione, fermo restando la fattibilità, il budget e il parere della Sovraintendenza.

Aree attrezzate e gazebo coperto dagli adulti

Aree attrezzate per target di utenza, a seconda che si sia adulti o piccini, che si desideri leggere o rilassarsi, stare da soli o in compagnia. Una emeroteca per una lettura veloce al sole senza entrare in biblioteca. Un campionario di giochi per grandi che permettano la socializzazione all’aria aperta. Più discusse che realizzate su carta o con plastilina, anche le idee scaturite dagli incontri con i cittadini adulti dovranno tener conto della fattibilità  e del finanziamento di 99mila euro erogato dalla Compagnia di San Paolo.

Cosa dovrà essere la nuova biblioteca

Un spazio per tutta la famiglia, un luogo dove poter prolungare l’attività scolastica con laboratori e workshop, un centro culturale per attirare e irraggiare sapere, un punto di incontro fra Associazioni e territorio e un polo informativo per eventi e notizie, anche con l’apporto di esperti e professionisti. La nuova biblioteca non sarà più solo un luogo di custodia e prestito di libri ma un centro polifunzionale e dinamico, dove i circa 40mila volumi saranno modernamente suddivisi per aree tematiche.

Un primo tentativo di progetto

Delle molteplici e diversissime proposte la Fondazione Fitscarraldo con l’apporto della Cooperativa Orso ha ricavato un primo tentativo di progetto che ha preso in considerazione a esempio una postazione book crossing coperta su rotelle in cui si possa entrare ed essere circondati da libri. Anche la pagoda per leggere al coperto e la casa su un tronco realizzato in ferro con scivolo e scala di corda troveranno probabilmente posto nella realizzazione finale del giardino, dodicesima sala della biblioteca i cui arredi dal costo di 400mila euro sono stati realizzati per l’80 per cento su misura con il controllo attento della Sovraintendenza.