Rivoli, ad uccidere Davide Lobue non è stato il cane Sid L'autopsia conferma le lesioni post mortem del cane: il ragazzo sarebbe deceduto a causa di un malore

image

RIVOLI – Una vera e propria tragedia quella che ha colpito il giovane Davide Lobue. 26 anni, una vita dedicata alla sua passione per gli animali. Addestratore cinofilo di Rivoli, Davide è deceduto la notte tra sabato e domenica a Monte da Po. Dopo i primi dubbi sulla causa della morte, attribuita ad una aggressione di Sid un cane che stava addestrando, l’autopsia l’ha scagionato.

Un malore avrebbe stroncato la sua vita

Stava giocando in un campo con Sid, il bull terrier di un amico di Chivasso, quando Davide è morto. A trovarlo e a dare l’allarme un sedicenne vicino di casa. L’autopsia eseguita dal medico legale Roberto Testi ha fatto emergere la causa del decesso dovuto ad un malore improvviso, scagionando così Sid, confermando che si tratterebbero di morsi e ferite inferte post mortem. Il cane, che aveva problemi comportamentali, avrebbe dunque morso Davide una volta che si è accasciato a terra, probabilmente nel tentativo di scuoterlo. Era stato Sid infatti che aveva attirato l’attenzione del vicino che poi è giunto sul posto chiamando i soccorsi. L’indagine rimane aperta e il cane continua ad essere sotto sequestro.