Rivoli, un defibrillatore nella caserma dei Carabinieri Istruiti tutti i carabinieri al suo uso

DefibrillatoreDefibrillatore

RIVOLI – Un defibrillatore che aiuterà a salvare delle vite. Questa mattina è stato donato ufficialmente   alla caserma dei Carabinieri di Rivoli. Ad acquistarlo l’Associazione La Meridiana che in pochi giorni è riuscita a raccogliere la cifra giusta per donarlo.

Il defibrillatore

All’uso del defibrillatore sono stati istruiti tutti i Carabinieri delle otto compagnie, grazie ai corsi della Croce Rossa. 1500 euro che hanno permesso di posizionarlo all’ingresso della caserma. Oltre al defibrillatore, è stato donato anche un quadro di Nicoletta Nava, pittrice presente anche lei all’inaugurazione in compagnia di Carlo Zorzi, presidente de La Meridiana, il sindaco Franco Dessì, Flavio Boraso direttore dell’Asl TO3, e il capitano Luca Mariano.

L’arresto cardiaco di un uomo di fronte alla caserma

L’importanza della presenza di un defibrillatore assume molta più importanza alla luce di un fatto avvenuto due anni fa. Un uomo, ad agosto 2015, stava andando in bicicletta, quando è stato colto da un arresto cardiocircolatorio proprio di fronte alla caserma dei Carabinieri di Rivoli. A salvargli la vita un appuntato che, in attesa dell’arrivo dell’ambulanza, ha praticato il massaggio cardiaco sul 67enne per oltre tre minuti. La manovra ha salvato la vita all’uomo.