Rivoli, l’opposizione chiede spiegazioni sull’allagamento di scuole e strade

Rivoli, consiglio comunaleRivoli, consiglio comunale

RIVOLI – Risale a domenica 4 giugno la perturbazione che ha colpito la cintura ovest di Torino. A seguito della forte pioggia, infatti, alcune scuole della città – Frejnet, Rosselli, Mamma Pajetta ed Andersen – sono rimaste chiuse a causa di allagamenti, così come alcune vie della città. “E’ significativa la situazione di corso Torino (quindi non una strada secondaria) dove i cittadini sarebbero stati costretti a svuotare i tombini – sostengono i consiglieri di Forza Italia -, gravissima la situazione di strada Bastone dove da tempo si attendono lavori di ripristino del manto stradale, drammatica la situazione delle strade vicinali di campagna, come via Rosmarino, prive di manutenzione”.

Le interrogazioni dell’opposizione

I consiglieri di opposizione del movimento consiliare Forza Italia hanno di fatto presentato un’interrogazione orale, per poter conoscere i danni arrecati dall’acquazzone, a quanto essi ammontano, ma anche quali tipi di controlli sono stati effettuati. “Le due scuole chiuse, nonostante le proteste dei cittadini,  dall’Amministrazione Comunale e cioè la Neruda di Maiasco e la scuola della frazione Tetti Neirotti pare siano perfettamente agibili, dimostrando ulteriormente così la miopia politica”, proseguono i consiglieri.  “Purtroppo ne fanno sempre le spese i cittadini e i bambini che si ritrovano scuole chiuse e palestre inagibili. – dichiarano dal Movimento 5 Stelle di Rivoli -. Da quando ci siamo insediati chiediamo che si faccia un piano si manutenzione e si prendano decisioni sulla razionalizzazione dei plessi sulla base della qualità delle strutture e della loro disposizione geografica. Data la gravità dei danni ripetuti su più plessi, riteniamo sia doveroso da parte del Sindaco richiedere lo stato di calamità naturale per richiedere fondi per sistemare e mettere in sicurezza le nostre scuole colpite dal nubifragio”.