Due piccoli matematici del San Giuseppe di Rivoli partecipano alla gara nazionale A Palermo si affronteranno i migliori ragazzi della penisola

Gli allievi del San GiuseppeGli allievi del San Giuseppe

di ALESSANDRO CHIABODO

RIVOLI – Due alunni della scuola Secondaria di primo grado parteciperanno alla gara della Finale Nazionale dei Giochi Matematici del Mediterraneo in programma il 6 maggio. Queste gare, organizzate ogni anno dalla Accademia per la promozione della Matematica (AIPM) con sede all’università di Palermo, raccolgono centinaia di migliaia di giovani alunni in tutta Italia (quest’anno le iscrizioni sono state di circa 130.000 ragazzi) e solamente 800 riescono a qualificarsi per l’ultima fase che si svolge nelle aule dell’università di Palermo, divisi in otto categorie in base all’età dovranno risolvere una serie di problemi di matematica, logica o geometria.

Le gare negli anni passati

L’Istituto San Giuseppe non è nuovo a questo tipo di gare, fin dal 1999 nel corso dell’anno i suoi migliori alunni hanno partecipato a diverse competizioni a livello nazionale, a partire dai Giochi Matematici organizzati dall’Università Bocconi di Milano, ottenendo anche diversi buoni piazzamenti. Solo dal 2012, invece, partecipa anche ai G.M.M, coinvolgendo quasi tutti i ragazzi dalla quarta elementare fino al primo biennio delle superiori, con risultati sempre positivi. “Tutti gli anni siamo riusciti a mandare almeno due ragazzi alla finale nazionale” spiega la professoressa che segue i giovani partecipanti delle medie “e questo è davvero fantastico perché per prima cosa riescono ad affrontare il viaggio e la gara in modo più tranquillo, inoltre dimostra come i nostri alunni siano sempre ben preparati e capaci”.

Chi andrà alla finale quest’anno?

Dei tredici ragazzi che hanno partecipato alla fase regionale solamente due, Alessandro e Francesco di seconda e prima media, si sono classificati per Palermo, arrivando primi nelle loro categorie. “A un certo punto, appena uscito dall’aula della gara, ero convinto di averne sbagliate parecchie” racconta uno dei due matematici “poi mi sono confrontato con Alberto (un compagno Ndr) e con la professoressa e ho scoperto di averne fatte ben tredici su quindici quesiti totali, esatte. Solamente al pomeriggio, con la premiazione, ho scoperto di essere stato il migliore della mia categoria. Adesso per questa gara non mi aspetto di certo un risultato altissimo, ma sognare non costa nulla”.

Un indovinello della finale di area di sabato 18 marzo 

Una pasticceria ha effettuato per un periodo un’offerta: chi si fosse presentato con 9 etichette di una confezione di caramelle, ne avrebbe ricevuta un’altra in regalo. Francesco possedeva già 6 etichette e si fa regalare dagli amici altre 46 etichette. Quante confezioni di caramelle ha ricevuto in regalo?