Il Sangone non fa più paura, finiti i lavori di disalveo e messa in sicurezza Terminati i lavori per mettere in sicurezza gli argini del fiume a Ruata Sangone

I lavori nel SangoneI lavori nel Sangone

GIAVENO – La situazione di rischio era nota da molti anni e nel corso del tempo si era creato sul letto del fiume un isolotto di sassi che contrastava il regolare flusso dell’acqua, rischiando, in caso di forti piogge, l’innalzamento del livello del torrente e lo straripamento delle acque dagli argini. Già nel corso della passata amministrazione si era provato ad accedere a finanziamenti per i necessari lavori, ma senza successo.

I lavori in località Ruata Sangone

L’investimento è stato importante e i lavori sono stati consegnati nei tempi stabiliti dalla ditta appaltatrice. Il costo dell’opera è di 99 mila euro; è stata finanziata tramite fondi ATO deliberati nei primi mesi del 2017 e a cui si è avuto accesso tramite l’Unione dei Comuni Montani Val Sangone. Nel mese di marzo è stato dato l’incarico di redigere il progetto definitivo ad un esperto progettista di opere idrauliche, l’Ingegner Visconti. I lavori sono partiti il 1° settembre e sono terminati nei giorni scorsi.

L’intervento in località Ruata Sangone è la prima opera di quattro previste per la messa in sicurezza del percorso del fiume. Proseguiremo nel più breve tempo possibile, in località Dalmassi, all’adeguamento della scogliera posta sulla riva sinistra prima del nuovo ponte e con barriere atte a interrompere le deviazioni che mettono da molto tempo in pericolo la borgata.