Sant’Ambrogio, grande festa per il patrono San Giovanni Vincenzo Antonella Falchero: "Una festa del paese organizzata al meglio da tutti"

L'Abbà di Sant'AmbrogioL'Abbà di Sant'Ambrogio

S.AMBROGIO – La festa di quest’anno s’è aperta con le note del concerto di sabato 18 novembre del coro Goitre di Torino nella Chiesa Parrocchiale; un connubio musicale molto apprezzato e salutato dalle parole del sindaco Dario Fracchia.

La domenica di San Giovanni Vincenzo, patrono di Sant’Ambrogio è iniziata come tradizione al mattino, domenica 19 novembre, con il passaggio di consegne dell’incarico di “Abbà” da Enrico Crosetta a Federico Raminelli; una scelta che segue una tradizione di famiglia. C’è stata la messa celebrata da monsignor Renato Boccardo, santambrogese, vescovo di Spoleto e Norcia, seguita dalla processione con le reliquie del Santo patrono. Per tutto il giorno, fino alle 18, le vie del paese sono state animate dalla decima edizione della mostra mercato con artigiani, artisti ed esercenti.

Antonella Falchero, assessore alla cultura del comune: “E’ stato un avvenimento partecipato che ha coinvolto tante associazioni offrendo altre il consueto, e sempre importante, momento religioso altri più ludici. quest’anno in particolare con i balli e le musiche Sant’Ambrogio è stata coinvolta in zone più marginali. darai un giudizio assolutamente positivo ringraziando quanti hanno duramente lavorato  in questi mesi affinchè tutto fosse pronto. Anche il tempo è stato dalla nostra parte e non è poco”.

La processione del Santo

La processione del Santo

Il discorso dell’Abbà e il Torneo di Dama

Nel pomeriggio, poi, la benedizione eucaristica in Chiesa e, all’esterno, il tenuto il discorso dell’Abbà, in piazza San Giovanni Vincenzo e il tradizionale ballo in piazza Abbadia. Al calare della sera, in piazza XXV aprile, il suggestivo torneo storico di dama in costumi medievali, giunto alla 27° edizione, organizzato dal Gruppo scout.