Sant’Antonino, il canile si chiama CentoCode: il nome scelto dalla Scuola di Susa La struttura serve 39 comuni

Il canile "100 code" di  Sant'AntoninoIl canile "100 code" di Sant'Antonino

S.ANTONINO- Il nuovo canile di Sant’Antonino è realtà. Con l’inaugurazione di domenica la truttura consortile della Valsusa è in funzione. Dopo aver raccolto le richieste di alcune associazioni
del settore, Acsel ha infatti interpellato tutti i 39 comuni consorziati, chiedendo loro la disponibilità
ad aumentare leggermente la quota a loro carico per adottare un cane a testa: quasi tutti hanno risposto affermativamente e già nei prossimi mesi sono dunque previsti i primi arrivi.

Un nuovo canile

Quel che conta, è che ora la valle di Susa ha di nuovo a disposizione un proprio canile. Ci sono voluti sette anni,  ma ne è valsa la pena, a giudicare dal risultato: un canile bello, accogliente e ben strutturato. Si chiama “Cento code”, utilizzando il logo ideato dagli alunni dell’Istituto Comprensivo di Susa, che due anni fa hanno partecipato e vinto il concorso lanciato dall’Acsel nelle scuole.

La nuova struttura

La scelta di Sant’Antonino come sede del nuovo canile di valle risale al 2010, grazie ad un terreno messo a disposizione dal Comune nell’area degli ex cantieri autostradali, tra l’ecocentro e il cimitero
di via Susa; 17 se pensiamo che quella di una nuova struttura è un’esigenza che nasce dal lontano ottobre 2000, quando l’alluvione distrusse il vecchio canile di Rosta, danneggiandolo irrimediabilmente.