Sant’Antonino, il sindaco parla del “Chi più differenzia meno paga” Cambia il giorno della raccolta di carta, plastica e del vetro

acsel 007

SANT’ANTONINO – Il Comune sta proseguendo con successo la sperimentazione sulla tariffa puntuale, ad oggi l’unica realtà amministrativa della valle ad aver adottato questo sistema. Il meccanismo calcola la quota da versare in base all’effettiva quantità di rifiuti prodotta. Ma cos’è la Tariffa Puntuale? Risponde il sindaco Susanna Preacco: “E’ basata sul concetto che “Chi più differenzia meno paga”. I cittadini che hanno ricevuto a casa la bolletta hanno infatti potuto osservare come essa sia fondata su due aspetti: una parte fissa ed una parte variabile. Nella parte fissa si calcolano i metri quadri che vengono moltiplicati per il numero di residenti l’alloggio i quali hanno abbinato un coefficiente di legge. Nella parte variabile si calcola il numero degli svuotamenti che sono pari ad x litri moltiplicati per €. 0,045 cent. al litro. Le due somme danno il totale; ad oggi viene calcolato l’80% sulla parte fissa ed il 20% sulla parte variabile”. Qual’è il prossimo passaggio? “E’ nostra intenzione aumentare progressivamente la parte variabile in modo da raggiungere l’obiettivo che chi meno differenzia più paga. I dati sono confortanti: infatti si è passati da una raccolta differenziata nel 2013 di circa 1.000 tonnellate a circa 1.080 tonnellate nel 2015, che tradotto in percentuale significa un passaggio dal 65,30 del 2013 ad un 69,80 del 2015. Anche la raccolta dell’indifferenziato è passata da un totale di 493 tonnellate del 2014 a 435 del 2015, quindi con un trend in diminuzione dei rifiuti prodotti”. Vediamo i dati su cui si può migliorare. L’organico con una produzione annua nel 2015 piuttosto elevata, pari a 281,00 tonnellate, un quantitativo molto alto in raffronto alle caratteristiche urbanistiche del comune e del nostro tessuto sociale, dato sui l’Amministrazione Comunale intende lavorare. Ricorda il sindaco: “Proprio per limitare i costi, è stato variato il calendario della raccolta della carta, della plastica e del vetro: tutti verranno infatti raccolti il lunedì pomeriggio. La plastica quindi non sarà più il venerdì ma sarà raccolta con le altre filiere il lunedì pomeriggio”.