Sarà il Gruppo CLN-Magnetto guidato da Gabriele Perris a salvare la Vertek? Ancora nulla di ufficiale, e nessuna dichiarazione, come è nello stile concreto del Gruppo, ma la proposta pare essere in dirittura di arrivo

Vertek 004

CONDOVE – La lunga storia industriale di Condove, dalla fu Moncenisio alla Vertek, potrebbe non chiudersi per sempre. I rumors negli ambienti industriali e sindacali, danno per certo che sarà il Gruppo CLN in capo alla famiglia Magnetto-Perris a presentare un’offerta per rilevare gli ex laminatoi dall’amministrazione straordinaria Lucchini.

Guidata da Gabriele Perris-Magnetto CLN-Group è uno dei principali player a livello mondiale nel mercato della lavorazione, stampaggio e assemblaggio di componenti metallici per il settore automotive ed è il più grande produttore di componenti per auto in Italia. Da Caselette controlla una sessantina di società in Italia e nel mondo, e fa capo ad Aurora Magnetto Presidente e Amministratore Delegato  e al figlio Gabriele Perris-Magnetto, che ha la leadership del board aziendale. Per dire, CLN è la società che nel 2008 si è comprata l’ultimo laminatoio ancora esistente dell’ex impero Falck e tutti i pezzi pregiati di quella che è stata una delle più grandi dinastie industriali italiane.

Tutto ha inizio con la Mafem, azienda creata da Mario Magnetto che raccoglie e lavora lamiera per Fiat. Mario Magnetto  (1919-2002) infatti fonda la Mafem nel 1948 (Materiali Ferrosi Edili e Meccanici) azienda per la lavorazione e il commercio della lamiera, con sede in via Balangero a Torino. Due dipendenti oltre al titolare e alla moglie Anna Reinaudo, che si occupa dell’amministrazione. E’ il dopo guerra, e i rottami ferrosi sono fondamentali per rimettere in piedi il Paese. Ben presto passa alla produzione di ruote in lamiera e diviene il più importante produrre in questo settore.

Attualmente la holding si compone di tre divisioni. La MA, che sta per Magnetto Automotive, fa lamiere per automobili e incamera il 60% del fatturato. In particolare rifornisce le maggiori case automobilistiche del mondo, da Fiat a BMW, passando per Daimler, Volvo, Renault, PSA, General Motors e Mercedes. Per quest’ultima casa tedesca, CLN ha creato la super scocca leggera indossata dalla nuova Classe C. E’ stata realizzata in uno speciale materiale composito ed è il frutto di ricerche condotte appositamente su richiesta del cliente tedesco.

La seconda divisione è MW, cioè Magnetto Wheels, che si focalizza sulla produzione delle ruote per auto, moto, veicoli industriali, elettrodomestici e per l’industria. Gli stabilimenti di questa divisione si trovano vicino alle sedi industriali, per lo più in Asia (Malesia, Giappone con Excel Rim, e Cina), nell’Est Europa e persino in Iran, ma anche in Campania, ad Atella, rispondendo ai clienti del settore elettrodomestico, e a Saronno dove c’è la controllata Gianetti Ruote MW, società con oltre cent’anni di storia acquisita da CLN.

Complessivamente CLN Group è presente in 27 paesi. fattura un miliardo e mezzo di euro con 2.500 addetti in Italia e 8.500 nel mondo.

In Valle attraverso la Fondazione Magnetto finanzia e sostiene una teoria infinita di attività e progetti sociali e culturali. Rilevare la Vertek sarebbe l’ennesimo atto di generosità di una famiglia di grandissimi imprenditori che non hanno mai voluto dimenticare le loro radici e il loro territorio. La differenza con chi ha portato un secolo di industria fiscalmente in Olanda e sparso le direzioni fra Detroit e Londra nella City è evidente. La buona volontà per i Magnetto è d’acciaio.