Scritte No Tav su case e un bar Condanna del mondo politico

bar chiomonte

CHIOMONTE. Il bar è nel piccolo paese di Chiomonte e sulle vetrine campeggia la scritta fatta con la vernice spray: «Hai svenduto la valle per 30 caffè»; sono stati anche danneggiati gli altri infissi. Il locale, che è abitualmente frequentato dai lavoratori del cantiere Tav, è gestito da una ragazza di 24 anni che fa della gentilezza e dell’impegno sul lavoro il suo stile di vita. Altre frasi sono state scritte pure sulle case dove vivono i lavoratori del cantiere: «Qui vive chi devasta la valle», si legge ora.  Unanime dal mondo politico la condanna dell’atto. Antonio Ferrentino, consigliere regionale PD: “Solidarietà al titolare del bar, condanna del gesto di ignoti delinquenti che continuano a cercare di intimidire. Non ci riusciranno, però va fatta sentire la vicinanza a chi è oggetto di queste azioni squadristiche. Andrò volentieri a prendere un ottimo caffè al bar di Chiomonte, facciamolo in tanti”. Daniela Ruffino, Forza Italia: “Un gesto vigliacco che condanno senza riserve. Esprimo solidarietà alla giovane proprietaria del bar che chiede solo di poter lavorare senza minacce e paure”. Anche la consigliera regionale Francesca Frediani, Movimento 5 Stelle, dichiara: “Non condivido ovviamene il metodo, ma è la chiara dimostrazione che la valle, contrariamente a quello che vogliono farci credere, non è assolutamente pacificata”.