Da domenica 10 settembre si tornerà ad andare in treno da Torino a Modane via Bardonecchia Per ora il servizio sperimentale attivo solo nei giorni festivi. Soddisfatti i consiglieri Gallo e Ferrentino

La stazione ferroviaria di ModaneLa stazione ferroviaria di Modane

BARDONECCHIA – Dal 10 Settembre, la domenica, partiranno i nuovi collegamenti diretti da Torino Porta Nuova a Modane. Trenitalia e Rfi nelle scorse settimane hanno effettuato i test per verificarne la fattibilità tecnica. Circoleranno sette coppie di treni, con cadenzamento biorario. La sperimentazione prr ora solo nei giorni festivi sarà funzionale alla valutazione di un ulteriore potenziamento del servizio. Sarà dunque possibile da Torino raggiungere Modane via Bardonecchia attraverso il tunnel storico del Frejus e viceversa, senza cambiare treno.

Le fermate intermedie saranno nelle stazioni di Grugliasco, Collegno, Alpignano, Rosta, Avigliana S. Antonino Vaie, Bussoleno,  Meana, Chiomonte, Salbertrand, Oulx, Beaulard, Bardonecchia.

“Un risultato importante – ha sottolineato l’Assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco – ottenuto anche grazie al lavoro dei consiglieri di maggioranza che lo hanno fortemente voluto: Un segno di attenzione della Regione per questa linea interessata dai lavori per la realizzazione della del tunnel di base della Nuova Linea Torino-Lione“.

Le dichiarazioni dei consiglieri Gallo e Ferrentino

“È una bella notizia l’avvio di nuovi treni sulla linea Torino Modane”. Lo dichiarano i consiglieri regionali del PD, Antonio Ferrentino e Raffaele Gallo, che nei mesi scorsi hanno presentato un ordine del giorno in Consiglio regionale con il quale si chiedeva l’implementazione della linea ferroviaria Torino-Bardonecchia – Modane.

“Oggi è stato comunicato che dal 10 settembre partiranno i nuovi collegamenti da Torino Porta Nuova a Modane Un risultato importante grazie al lavoro di svolto nell’aula consiliare dove è stato approvato il documento di indirizzo sulla linea e alla Giunta che ha trattato con Trenitalia e RFI per la realizzazione concreta del progetto”.

“L’ordine del giorno – dicono ancora i consiglieri PD – chiedeva di ripensare il collegamento con un’area turistica importante, non solo in funzione dei passeggeri della neve, ma anche dei pendolari che quotidianamente usano il treno per recarsi al lavoro o a scuola. Per la stagione invernale il servizio – per ora ancora in fase speriementale –  andrà esteso a tutti i week-end. Esiste una economia transfrontaliere storica che deve essere riattivata. Pensiamo ad esempio al mercato del sabato di Bardonecchia.”

Aggiungiamo noi che per esempio gli escursionisti che vorranno effettuare da Bardonecchia attraverso la Valle Stretta – raggiungibile con il bus navetta – la  bella traversata che passando per i 2.446 metri del Colle della Valle Stretta, scendendo attraverso la stazione invernale di Valfréjus Modane potranno portare a termine la gita, rientrando poi agevolmente in paese col treno. Un bel modo per effettuare una gita in modalità “ecologica” altrimenti logisticamente impossibile da compiere in un giorno.

Inoltre proseguono – sottolineano i due consiglieri – i lavori di rifacimento delle stazioni di Oulx e Bardonecchia per le quali sono stati stanziati dalla Regione Piemonte 4 milioni di euro, il cui impegno renderà entro il 2018 servizi ai passeggeri migliori con standard di sicurezza più alti. Questo importante risultato – concludono – è il frutto di un iter lungo e condiviso con i sindaci dei Comuni interessati e con i referenti di Rfi, Trenitalia e dell’Agenzia per la mobilità e l’Assessorato regionale ai Trasporti.”

Tutti gli orari dei nuovi treni

orari-torino-bardonecchia-modane