Sindaci della Vialattea e operatori in Regione per il problema neve Daniela Ruffino: “Sosterremo questa richiesta"

regione neve

TORINO- Dopo la riunione svolta a Cesana Torinese la scorsa settimana, c’è stato un nuovo incontro, presso la Regione Piemonte, con la vicepresidente Daniela Ruffino, l’assessore Antonella Parigi e il presidente della Commissione Istruzione e Sport Daniele Valle, presente la consigliera valsusina Francesca Frediani. Il tema è il problema della siccità nevosa, che sta mettendo in crisi il sistema invernale piemontese:  i sindaci delle Valli Olimpiche e l’ Arpiet, in rappresentanza dei gestori degli impianti di risalita, sono stati ricevuti in audizione in Consiglio Regionale. Sindaci e operatori hanno ribadito, come fronte unito, la necessità di introdurre in modo stabile nel calendario scolastico della Regione Piemonte una settimana di stop delle lezioni, tra le vacanze di Natale e quelle di Pasqua, per incentivare gli sport della neve e il turismo invernale. “Sosterremo questa richiesta con una mozione che mi vede prima firmataria e chi mi auguro venga approvata dal Consiglio Regionale all’unanimità” – ha detto la vicepresidente Ruffino, a margine dell’audizione – “il cambiamento climatico sta fortemente condizionando un sistema su cui si regge non solo l’economia delle nostre montagne, ma il loro stesso futuro”. Sindaci e operatori hanno ribadito, come fronte unito, la necessità di introdurre in modo stabile nel calendario scolastico della Regione Piemonte una settimana di stop delle lezioni, tra le vacanze di Natale e quelle di Pasqua, per incentivare gli sport della neve e il turismo invernale. “La nostra richiesta di avere una settimana di vacanza nel periodo di Carnevale” – ha affermato il Sindaco di Cesana Torinese Lorenzo Colomb – “è molto importante, è stata condivisa insieme agli operatori turistici, c’è ampia condivisione al riguardo e mi auguro che la mozione venga approvata dal Consiglio Regionale in tempi rapidi e con una ampia maggioranza in modo che la politica regionale possa finalmente dare una risposta concreta alle legittime richieste che provengono dagli operatori del settore turistico e dalle associazioni di categoria dei commercianti e degli albergatori che condividono la nostra iniziativa”. “Nello stesso tempo abbiamo fatto presente all’Assessore Parigi” – conclude il sindaco di Cesana- “i dati negativi fin ora riscontrati sulle Montagne Olimpiche durante la stagione invernale, la richiesta di avere risposte immediate sullo stato di calamità naturale da parte del Governo Renzi così come una programmazione definita dei fondi regionali in materia di innevamenti per i prossimi anni, fondi che sono fondamentali per la produzione della neve artificiale e che Regione Piemonte deve garantire per il futuro “.