Presentati a Bardonecchia i volontari del Soccorso Alpino ma… “Non chiamateli eroi” In occasione del Valsusa Filmfest al Palazzo delle Feste

Il Soccorso Alpino

BARDONECCHIA – In occasione dell’inaugurazione del Valsusa Filmfest, si è svolto sabato 8 aprile presso il Palazzo delle feste di Bardonecchia, l’incontro con i volontari della delegazione Valsusa e Valsangone del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese. Durante la manifestazione sono state presentate le figure tecniche che operano all’interno del gruppo: dal tecnico di elisoccorso al sanitario, dall’operatore di centrale al tecnico di ricerca e all’unità cinofila composta da cane e conduttore.

Non chiamateli eroi

Nella serata condotta da Linda Cottino erano presenti ed hanno condiviso alcune esperienze recentemente vissute, come l’intervento all’Hotel Rigopiano, il presidente regionale Luca Giai Arcota e la delegata Cristina Alpe. I tecnici intervenuti hanno spiegato come il soccorso alpino si è evoluto grazie alle nuove tecnologie di localizzazione ed alle nuove tecniche di addestramento in modo da diventare un soccorso avanzato che sostituisce la vecchia concezione di “andare a prendere e portare via il ferito” con il “portare un primo soccorso avanzato sul luogo dell’incidente“. Il titolo “Non chiamateli eroi” sta a sottolineare il concetto che dietro ad ogni volontario non c’è un eroe, ma un professionista ben addestrato che mette a disposizione gratuitamente buona parte del proprio tempo per il soccorso in montagna.