Solidarietà per il poliziotto sospeso: “Ha scongiurato un pericolo sull’Autostrada” I colleghi hanno cominciato una colletta per aiutarlo

Polizia StradalePolizia Stradale

SUSA – Dopo la sospensione dell’agente della Polstrada di Susa i colleghi e il sindacato si sono mossi per aiutare il collega,  che ho sempre dato il massimo in servizio, da tutti ritenuto vittima di una gesto puramente goliardico durante un delicato servizio.

Il sindacato autonomo ha già messo a disposizione un avvocato per assisterlo nel procedimento disciplinare e i colleghi hanno attivato una colletta per aiutare economicamente il loro collega che si è visto dimezzare lo stipendio. L’agente in servizio a Susa da molti anni, 43 anni, è padre di tre figli.

VEDI ANCHE : http://www.sap-nazionale.org/capo-gabrielli-la-sospensione-del-collega-perso-10mila-punti/

Pochi giorni fa è stato liberato un uomo che aveva attentato alla vita di un poliziotto con un coltello

Dal sindacato arrivano parole decise: “E’ una cosa assurda in un Paese che pochi giorni fa hanno scarcerato una persona che aveva aggredito un poliziotto con un coltello, ora si vuole strumentalizzare un agente in questa situazione, si sta facendo passare in secondo piano il fatto che la pattuglia ha scongiurato un pericolo sull’autostrada. Lo straniero è stato fermato, identificato e verbalizzato, scortato fino alla prima piazzola e poi messo al sicuro su un furgone con la bicicletta e accompagnato fuori dall’autostrada“. Dice poi Gianni Tonelli, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap): “Prefetto Gabrielli, con la sospensione del collega della Polizia Stradale di Torino Lei ha perso diecimila punti nei confronti della comunità interna delle forze di polizia“.

Non sono razzista

Non avevo intenzione di apparire razzista“, lo ha detto e lo ha ripetuto ad amici e colleghi l’assistente capo, spiegando il video in cui riprende un profugo africano che pedala sulla Torino-Bardonecchia, commentando il fatto dall’abitacolo dell’auto di servizio con cui lo sta scortando. Un video che è costata la sospensione immediata “per aver usato frasi a sfondo razzista contro un’alta carica dello Stato“, si legge nel provvedimento emesso direttamente da Roma dopo che il video è finito su Facebook ed è stato segnalato ai vertici della polizia e alla procura di Torino.