Sparatoria a Rosta fra genero e suocero, entrambi giostrai, sinti piemontesi Il suocero ferito è grave in ospedale, mentre il genero è ricercato. Il Sindaco Tragaioli ha fatto sgomberare l'area dalle giostre

carabinieri 13

ROSTA – Con due colpi di pistola il genero ha spedito il suocero in rianimazione e poi è fuggito. Ora è ricercato dai Carabinieri. Il tutto è accaduto nel tardo pomeriggio a Rosta,  Il genero un sinti 31enne ha sparato al suocero colpendolo all’addome, poi è fuggito sparando in aria. Il tentato omicidio ha avuto come scenario l’area del campo sportivo di via Caduti della Libertà dove erano parcheggiati camion e roulotte del giostraio, che avrebbe dovuto montare le sue attrazioni per la festa patronale. Il ferito, 49 anni, sinti pure lui, è stato soccorso dal 118, e poi  trasferito d’urgenza con l’Elisoccorso al Mauriziano. I motivi dell’agressione sono ancora da chiarire, così come se lo sparatore avesse un complice.  Secondo i primi accertamenti dei Carabinieri i due aveve già avuto violente liti in passato.  Secondo quanto accertato  il genero avrebbe picchiato spesso la figlia del ferito, che era presente al momento del fatto. Parcheggiati entrambi lì da alcuni giorni, secondo altri testimoni avrbbero litigato per la piazzola.

Il Sindaco Andrea Tragaioli, ha firmato un’ordinanza di sgombero dell’area per motivi di sicurezza, temendo altri gesti e ripercussioni fra le famiglie dei giostrai coinvolti, che potrebbero mettere repentaglio l’incolumità dei suoi cittadini.