“Sportello d’ascolto” di Erica Pramauro è secondo al Premio Letterario Città di Como 2015

Erica-Pramauro-001

C’è un anche un pizzico di Giaveno nel prestigioso Premio Letterario Internazionale “Città di Como”, la cui serata conclusiva si è svolta, a metà settembre, nella città omonima, presso l’antica Villa Olmo. Ad affermare la “giavenesità”dell’importante concorso ci ha pensato Erica Maria Pramauro, 27 anni, che, con il suo libro intitolato “Sportello d’ascolto e altri ricordi della mia scuola media” (Genesi Editrice- Torino), si è classificata al secondo posto nella categoria dedicata agli under 30. Un grande successo, considerato che gli scritti da giudicare, provenienti da tutto il mondo, hanno superato, in questa seconda edizione del Premio, le 1500 unità e che il primo premio assoluto è andato nientemeno che a Ferruccio De Bortoli, già direttore del Corriere della Sera e de Il Sole 24 ore e attualmente presidente della casa editrice Longanesi. La manifestazione, ideata l’anno scorso dallo scrittore Giorgio Albonico, ha avuto, anche quest’anno, una giuria di tutto rispetto e di alto profilo letterario, a partire dal suo presidente, Andrea Vitali, celeberrimo autore di libri venduti in tutto il mondo. Altri membri della giuria di quest’anno sono stati: Giorgio Albonico, Bruno Pizzul, Maurizio Cucchi, Andrea Fazioli, Laura Garavaglia, Emilio Magni, Lorenzo Morandotti, Carlo Pozzoni e Mario Schiani, affiancati da una selezione di lettori scelti. Erica non ha potuto ritirare di persona il premio, in quanto, ormai da due anni, vive e lavora con successo, ovviamente in ambito editoriale, a Londra, città che tuttavia lascerebbe, se soltanto trovasse lavoro in Italia.

Sportello Di Ascolto E Altri Ricordi Della Mia Scuola Media