Sulla ferrovia Torino-Modane c’è l’accordo per il ripristino del collegamento passeggeri con la Francia Nell'incontro a Oulx RFI annuncia anche investimenti per alcuni milioni di euro sulle stazioni di Oulx e Bardonecchia

oulx-4

OULX – Si è svolto ieri ad Oulx, crocevia storico della viabilità verso l’Alta Valle, un convegno organizzato dal consigliere regionale Antonio Ferrentino sul tema dei trasporti locali via ferrovia. Presenti in sala le massima autorità del trasporto ferroviario e le autorità politiche. C’erano Rosa Frignola della Direzione commerciale RFI, Paolo Grassi Direttore Territoriale Produzione RFI, Raffaele Gallo Consigliere Regionale PD, Antonio Ferrentino Consigliere Regionale PD, Francesco Balocco Assessore Regionale ai Trasporti ed alle Infrastrutture, Mauro Carena consigliere della Città Metropolitana, Francesco Avato Sindaco di Bardonecchia e il francese Jean Claude Raffin Sindaco di Modane. E’ intervenuto il sindaco di Oulx Paolo De Marchis  che vuole rilanciare l’argomento in un prossimo incontro con i vertici di RFI. “Abbiamo accolto con soddisfazione questo incontro dopo che 15 ottobre a Bardonecchia lanciammo la nostra preoccupazione. Adesso sappiamo che ad Oulx verrà sostituita la piattaforma elevatrice che non funziona da un anno, nella primavera 2017 con un ascensore – rileva De Marchis – inoltre sono previsti tra Oulx e Bardonecchia 4 milioni di euro per rendere accessibili i marciapiedi, verranno anche fatti i restyling nelle stazioni. I piani industriali di RFI prevedono investimenti per queste due stazioni con lavori previsti su Oulx e Bardonecchia nei prossimi tre anni. Un’altra nota positiva sarebbe l’abbonamento studenti con riduzione sui trimestrali”.

A margine dell’incontro Ferrentino ha dichiarato: “Il gruppo dei relatori si ritroverà in sede tecnica a Torino nell’ultima decade di novembre per preparare un dossier Val di Susa – Maurienne da portare al tavolo della conferenza intergovernativa Italia Francia prevista per il 12 dicembre. Il tema, non più procrastinabile, del ripristino del collegamento ferroviario Bardonecchia- Modane, l’utilizzo delle stazioni internazionali di Oulx, Bardonecchia e Modane, il presidio delle stazioni, l’estensione dell’abbonamento integrato Formula, oggi limitato a Chiomonte, fino a Bardonecchia e la problematica legata all’eliminazione dei biglietti chilometrici, saranno alcuni dei temi trattati. Il tavolo ritornerà in un incontro pubblico quando tutte le questioni sollevate da amministratori, dirigenti scolastici e cittadini avranno trovato risposta adeguata“.

Da segnalare tra il pubblico diversi amministratori: Capra, Colomb, Beria, Nurisso, Joannas, Preacco, Serra, Poncet, Garruto e i Dirigenti Scolastici. In sala anche la consigliera regionale dei M5S Frediani.

Verrà ripristinata la linea ferroviaria locale Torino- Modane? Alla domanda risponde l’architetto Paolo Foietta in qualità di Presidente della CIG (La Commissione intergovernativa franco-italiana). “L’utilizzo della vecchia linea Torino-Bardonecchia in funzione locale è senza dubbio auspicabile. Certamente con il traffico odierno dei passeggeri è difficoltoso perchè estremamente lento per le misure di sucurezza adottate per il trasporto merci. Che ci sia la necessità di avere collegamenti ferroviari passeggeri è innegabile e potrà realizzarsi in tempi brevi. Noto che la necessità di avere la nuova linea ferroviaria è adesso più che mai urgente per le esigenze del territorio che devono coincidere con quella della sicurezza e dell’economicità. Lo scenario che si sta realizzando è che nel 2030 i treni di lunga percorrenza da Torino a Lione, cioè da Milano a Parigi, passerranno sulla nuova linea così come le merci, e sulla vecchia linea transiteranno i treni locali“.

L’augurio è che il ripristino del collegamento passeggeri con Modane avvenga il primo possibile, magari già nel prossimo anno quando RFI avvierà alcuni lavori di ristrutturazione nelle stazioni di Oulx e Bardonecchia. Altri lavori potrebbero anche riguardare i tre passaggi a livello di Oulx il cui progetto di sostituirli con sottopassi è vecchio ormai di anni.