Susa, ad agosto parte un nuovo corso di accesso per diventare volontari della Croce Rossa Italiana La formazione per volontari che garantiscono le attività che ogni giorno vengono svolte sul territorio

Un mezzo della Croce RossaUn mezzo della Croce Rossa

SUSA – Partirà a metà agosto il percorso formativo per gli aspiranti Volontari di Croce Rossa Italiana. Come tutti gli anni il Comitato di Susa organizza i corsi di accesso alla CRI per aumentare il numero di volontari in modo da garantire una risposta concreta e costante alle sempre crescenti richieste della popolazione. Il corso sarà organizzato mediamente su due incontri settimanali e si svolgerà a Bussoleno.

Ma cosa significa veramente “diventare volontario”?

Essere volontario o volontaria significa mettere il proprio tempo e le proprie energie al servizio degli altri, senza alcuna costrizione e senza desiderare nulla in cambio. Per alcuni, fare volontariato è una scelta di vita, per altri una vocazione, per altri ancora un modo per dare qualcosa, non solo agli altri, ma soprattutto a se stessi. Essere volontario o volontaria significa non solo lavorare per le persone, ma con le persone, all’interno della propria comunità. Significa mettere a frutto le proprie competenze per migliorare le condizioni di vita delle persone più vulnerabili, chiunque esse siano, ed essere consapevoli che, per quanto ciò che facciamo possa sembrarci poco, stiamo facendo la differenza. Nella loro vita come nella nostra.

E’ questo che fanno ogni giorno i volontari della Croce Rossa Italiana nell’aiuto alle persone più vulnerabili: nel rispetto dei Sette Principi di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, lavorano negli ospedali, nelle case riposo, nei centri di accoglienza per migranti, sulle ambulanze, nei centri sportivi, nelle scuole e in situazioni di emergenza. I volontari contribuiscono a difendere la salute e la vita, a diffondere i principi e valori di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa e a formare cittadini responsabili di oggi e di domani.