Susa, il problema scuole arriva in Regione I genitori segnalano il problema degli orari

daniela

TORINO – Si apre un capitolo istituzionale in Regione Piemonte sul problema scuole che è arrivato sulla scrivania dell’assessore all’istruzione Pentenero. “Nonostante le rassicurazioni dell’assessore all’Istruzione resta aperta la questione della riduzione dell’organico nelle scuole di Susa per l’anno 2016/2017” – ha sottolinearlo la vicepresidente del Consiglio regionale Daniela Ruffino che ha rappresentato il problema alla Giunta regionale con una interrogazione. Il problema nasce a causa della riorganizzazione nell’uso degli spazi a partire dal prossimo anno scolastico voluta dal comune che prevede il trasferimento di 5 sezioni di scuola dell’Infanzia nell’edificio di via Re Cozio ed il trasferimento delle 6 classi con orario di 30 ore settimanali nell’edificio di via Couvert. La segnalazione che è arrivata alla Ruffino da numerosi genitori è che questa decisione non accompagnata ad una revisione del Piano di dimensionamento dell’organico, porterà una serie di difficoltà nell’organizazzione e gestione del personale. “Il problema – conclude la Ruffino – si ripercuote anche sull’offerta scolastica visto che si rischia di avere una riduzione del numero di docenti. Stesso discorso vale per il personale Ata ( i bidelli Ndr.) e quindi della vigilanza degli alunni“.