Susa: il punto nascite diventa un day service Batzella impugnerà il progetto

Municipio scritta

SUSA – Più che un annuncio una doccia fredda. Il punto nascite di Susa che avrebbe dovuto chiudere l’anno prossimo chiuderà invece tra un mese esatto, il prossimo 30 novembre. Una decisione a sorpresa di Regione e Asl che per voce del direttore dell’Asl To3 Flavio Boraso è stata presa per razionalizzare i servizi, dunque i costi della spesa pubblica. Il punto nascite, secondo il progetto di gestione dell’assessore Saitta, diventerà ora un day service con ambulatori di ostetricia e pediatria con gli operatori sanitari. Non sono mancate le proteste dopo l’annuncio da parte dei cittadini, davanti al municipio, contro i sindaci accusati di essere stati troppo accomodanti rispetto alla drastica decisione dell’assessorato alla sanità regionale. La consigliera regionale del M5S Stefania Batzella, dipendente nella stessa struttura sanitaria, minaccia di impugnare il progetto.