don Ettore de Faveri. Agnese Moro