“Tanti regali per un’idea” per un Natale solidale

mercatin-testata

RIVALTA – “Tanti regali per un’idea” nei locali della scuola materna “G. Bionda” di via Margherita 2, dove ciascuno potrà sbizzarrirsi a scegliere piccoli doni o strenne più importanti, sostenendo  in questo modo le associazioni presenti perché continuino il loro impegno di solidarietà e aiuto. Così, sui tavoli allestiti dal Progetto Bambini e Bambine di Chernobyl si possono trovare  matrioske dai colori vivaci, barattoli da cucina decorati da fiocchi e fiori, fermacapelli dalle tinte calde accanto  torte dolci e salate e a sacchettini colmi di lucide rondelle di frutta che si vorrebbe assaggiare ma che sono in realtà eleganti decori per l’albero di Natale. Poco più in là, ai banchi del Centro di Aiuto alla Vita – che ha sede a Orbassano ma che in  diversi comuni tra i quali Rivalta soccorre ragazze madri e famiglie in difficoltà anche con la raccolta di indumenti smessi – calze, cuffiette e golfini per bimbi da zero a 7 anni fanno bella mostra di sé in un tripudio di morbidezza e colori, accanto a panciuti Babbi Natale e a candele luccicanti. Corone natalizie realizzate con tappi di sughero, addobbi in panno lenci, rami di nocciolo trasformati in alberi di Natale e presepi su radici sono invece opera dei volontari dell’Associazione per la Promozione della Salute Mentale e dei “loro” ragazzi che hanno anche realizzato delicati quadretti in legno marino e teneri fermaporta a forma di animali, in attesa di cimentarsi con il prossimo torneo di calciobalilla, la cui ultima edizione li ha visti orgogliosamente piazzati al secondo posto. Decorazioni che ricordano la verde Scozia e pupazzi di neve realizzati con calzini, frumento e tanta fantasia sono invece le proposte delle Ex Allieve M.A., accanto a stampe coloratissime e decorazioni scintillanti, che si porteranno a casa con una pesca di beneficenza, mentre i piccolissimi cappellini e le minuscole mantelle all’uncinetto potranno essere acquistati direttamente. Quasi tutti nel tono del colore beige declinato in varie sfumature sono invece i manufatti offerti dal Gruppo Noi Più, che ha realizzato sacchetti profumati e decorazioni per l’albero a punto croce e con la tecnica patchwork,  e tovaglie da cerimonia ricamate a mano, ma anche coperte, sciarpe e berretti per i più piccoli, accanto ad asciugapiatti e presine per la cucina. Difficile se non impossibile, quindi, non trovare in un così vasto assortimento un regalo da portare a casa, da offrire ad altri o con cui “premiarsi”, con la confortante consapevolezza di aver aiutato, attraverso le associazioni,  chi ne ha davvero bisogno. (Fotografie di Renata Ortolano)