Lunedì 11 settembre iniziano i corsi di formazione per assolvere l’obbligo scolastico Numerose proposte didattiche in svariati ambiti professionali

corso operatore della ristorazionecorso operatore della ristorazione

La città metropolitana di Torino comunica che lunedì 11 settembre, con l’avvio del nuovo anno scolastico, inizieranno i corsi di formazione che permettono di assolvere l’obbligo di istruzione e formazione: un‘opportunità ulteriore per i ragazzi usciti dalla scuola media.

Sono principalmente corsi triennali per il conseguimento della qualifica professionale, rivolti ai ragazzi tra i 14 e i 18 anni che devono assolvere l’obbligo formativo, ma possono parteciparvi anche i giovani sotto i 25 anni privi di qualifica o diploma e assunti con contratto di apprendistato. Integrano l’offerta i percorsi annuali per il conseguimento del diploma professionale di IeFP, Istruzione e formazione professionale, rivolti ai giovani fino ai 24 anni che sono già in possesso di una qualifica IeFP e che vogliono completare il loro percorso di studi.

Nella città metropolitana di Torino questi percorsi di qualifica coinvolgono ogni anno circa 6.500 giovani, inseriti in 330 corsi, grazie al finanziamento del Fondo Sociale Europeo, dello Stato e della Regione, per un importo di 47 milioni di euro.

Alcuni dei corsi attivati saranno realizzati secondo il modello “duale”, che prevede l’alternanza tra attività formative in aula e in impresa per favorire l’occupabilità giovanile, promuovendo una maggiore interazione tra domanda e offerta di lavoro.

La programmazione dei percorsi è stata definita nel rispetto degli standard formativi regionali e dei livelli essenziali delle prestazioni (Lep) individuati in campo educativo. I Lep si riferiscono a diritti fondamentali che devono essere garantiti uniformemente su tutto il territorio nazionale, come l’accesso al sistema educativo, la qualità del servizio e dell’insegnamento, l’integrazione fra istruzione e formazione, le pari opportunità di genere, l’integrazione dei soggetti deboli e il diritto all’apprendimento lungo tutto il corso della vita.

I corsi sono distribuiti su tutto il territorio metropolitano, per avvicinare il più possibile l’offerta formativa alle residenze dei ragazzi.

Gli ambiti professionali spaziano dai settori produttivi consolidati a quelli più innovativi: dalla ristorazione ai servizi alla persona, dall’elettronica alla meccanica, fino ai servizi per le imprese e al settore della grafica e multimedialità. Accanto ai tradizionali corsi triennali di qualifica, sono previsti interventi specifici per i giovani a rischio di esclusione dal sistema tradizionale dell’istruzione, per le persone con disabilità e per chi ha abbandonato prematuramente gli studi.

“Il sistema della formazione professionale si propone di valorizzare e mettere a frutto i talenti dei giovani, non solo aiutandoli ad acquisire competenze tecniche e professionali per realizzare le proprie aspettative lavorative, ma anche favorendo lo sviluppo di capacità trasversali e relazionali, utili a costruire un personale progetto di vita”, spiega la consigliera metropolitana delegata a Istruzione, orientamento e formazione professionale Barbara Azzarà. “Si tratta di opportunità di apprendimento e di inclusione sociale, che rappresentano uno strumento essenziale per contrastare la dispersione scolastica e per favorire la crescita di giovani adulti capaci e consapevoli, leva primaria per il futuro sviluppo dell’intera società”. 

I corsi saranno consultabili sulla Banca dati delle opportunità della formazione professionale:

Dati, indagini e approfondimenti sul tema del Corsi dell’obbligo nella Città metropolitana di Torino sono presenti sulle pagine web dell’Osservatorio OiFP