Tornano la Barbuire del Lajetto con il loro primo concorso fotografico Durante la giornata del 26 febbraio sarà possibile fotografare i figuranti e partecipare al concorso fotografico

Alcune maschere del Carnevale del Lajetto interpretate da Tino AimeAlcune maschere del Carnevale del Lajetto interpretate da Tino Aime

CONDOVE – Febbraio è tempo di Carnevale, e un po’ ovunque sulle Alpi, questo periodo coincide con alcune tradizioni di personaggi in maschera arcaici, dall’om servaj, ai “Rölar” e dal “Kheirar” del Sauris carnico. Passando per i “Krampus” in Austria. Sono i riti che, dalla Candelora in poi, hanno radici nelle tradizioni precristiane, e lo scopo apotropaico di allontanare  l’inverno.

Uno dei carnevali più conosciuti è quello delle Barbuire del Lajetto, sopra Condove: dopo 60 anni di assenza, il carnevale del Lajetto è tornato nel febbraio del 2010 e giunge quest’anno alla sua 8° edizione.

In occasione dell’edizione di quest’anno, che si terrà il 26 febbraio alle ore 15.00, l’associazione culturale “Le Barbuire del Lajetto“, insieme al Comune di Condove, ha organizzato il primo concorso fotografico dedicato a questo particolare carnevale. Durante la giornata, infatti, folletti dispettosi e figure bizzarre danno vita a scene divertenti, a volte irriverenti, rendendo il pubblico bersaglio dei loro scherzi. Proprio per questo motivo sono un soggetto molto ricercato dai fotografi e l’idea degli organizzatori è stata quella di indire il concorso “Scatta la maschera: personaggi e simboli del Carnevale del Lajetto”, gratuito, per premiare le foto migliori incentivando l’economia locale.

Per partecipare al concorso è necessario iscriversi utilizzando l’apposito modulo in allegato (oppure scaricabile dalla pagina Facebook delle Barbuire o dal sito del Comune di Condove) da consegnare entro le ore 24.00 di venerdì 24 febbraio presso il negozio “La Cavagnera” (Viala Bauchiero, Condove) oppure invindolo via mail a [email protected]