Tre aviglianesi protagonisti al cinema

avigliana-cinema-1

di CORRADO MARTINELLI

TORINO – Il circolo Unicredit di Torino ha organizzato anche per quest’anno una serata fotografica e cinematografica, nella giornata di venerdì 11 novembre presso la sala convegni di Palazzo ATC di corso Dante. Il pubblico partecipante all’evento è stato inizialmente accolto con la proiezione di un’ampia panoramica delle immagini fotografate dagli autori concorrenti al concorso fotografico programmato dal circolo Unicredit con il patrocinio della regione Piemonte. Questi i premiati: Dario Battaglio, Claudio Salabagione e Gianmario Ligas (rispettivamente primo, secondo e terzo classificato per la sezione di foto a colori) e Franco Sasso, Santo Algeri e Roberta Donda (primi tre classificati in ordine di graduatoria per la sezione di foto in bianco e nero). Successivamente ha avuto luogo la proiezione del lungometraggio realizzato dal gruppo cinematografico del circolo Uncredit L’enigma del condominio di via Sestriere 45 – Il sarcofago nella roccia, con la regia di Giancarlo Granata, preceduta da una breve presentazione del film da parte dello stesso regista. Il filmato è liberamente tratto dal libro del giornalista e romanziere Valsusino Mario T. Barbero “Tre uomini in vacanza”, editore Sillabe di Sale (Condove). Questo romanzo narra la vicenda di tre amici che trascorrono le vacanze a Bardonecchia in un luogo apparentemente “ideale”, che però diviene teatro di avvenimenti tragici e al contempo comici, in una vicenda che assume i toni di un giallo divertente e paradossale, sul filo dell’umorismo “inglese” caratteristico dello scrittore Jerome K. Jerome nei suoi romanzi Tre uomini a zonzo e Tre uomini in barca. Con lo stesso stile “tragicomico”, il regista Giancarlo Granata ha costruito questo lungometraggio di circa settanta minuti, anch’esso ambientato a Bardonecchia e nella grotta del Caudano, dove il Comune di Frabosa Sottana, che ampiamente ringraziamo, ci ha dato il permesso di fare le riprese, tanto che questo film (dopo l’anteprima di stasera) sarà anche proiettato nelle località che lo hanno ospitato. Esso è una combinazione di thriller, fantascienza e un po’di humour. Prima della proiezione del filmato il regista Granata e alcuni attori del cast sono saliti sul palco per contribuire a presentare in un diretto contatto con il pubblico il lungometraggio nelle sue molteplici sfaccettature e particolarità: tra questi citiamo il rappresentante del gruppo piemontese del CAI Lodovico Marchisio. Tre erano gli Aviglianesi sul set: Lo stesso Lodovico, l’interprete principale (attrice di professione) e scrittrice Pamela Williams e nelle vesti di speleologa anche attrice teatrale di professione: Dayane Mounsib. Tra gli altri attori figurano l’alpinista e socio CAI GEB sezione di Torino Alberto Rossignoli (attore principale), Pietro Turello, Maria Teresa Vivino (giornalista Valsusina) e Paolo Rosso (alpinista del CAI). Si ringraziano per la collaborazione al lungometraggio e per l’organizzazione della serata, il regista Giancarlo Granata (per l’editing, le riprese e l’ottimizzazione dell’audio), Paolo Rosso, il giornalista e scrittore Mario T. Barbero, anche gli altri attori del cast Alma Rodriquens, Federico Baseotto, Paola Abaldo, Gaetano Panico, Jihad Chakroun, Rosanna Ferreri, Fabio Capiello, Rita Dasso, Beppe Tosco, Karima Nabli, Carlo Bertola, Sofia Zanelotti, Mirella Foggia (alpinista del CAI), Rosanna Rinaldi, Bruna Sabiu, Giusy Sasso, Caterina Allara; si ringraziano inoltre Giampiero D’Onofrio per le musiche originali sui titoli di coda, l’Hotel Sommeiller, il condominio dell’omonima via di Bardonecchia e il Comune di Frabosa Sottana per le riprese all’interno delle Grotte del Caudano e i vari “setting” cinematografici che hanno messo al loro “location” a favore di alcune riprese del film, compresi i condomini privati.