Tre giorni di festa alla Ruata Sangone di Giaveno in occasione di San Martino Novità di quest’anno: apertura straordinaria del "Mulin du Detu"

chiesa-san-martino-ruata-sangone-giaveno-2

GIAVENO – Fervono i preparativi per la Festa Popolare di San Martino, patrono della Ruata Sangone, manifestazione che si terrà venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 novembre 2016. La tradizionale festa – giunta quest’anno alla sua 110^ edizione – è promossa ed organizzata dall’Antica Società di San Martino, presieduta da Adolfo Giorda e vedrà quest’anno come priori Stefania Allais e Giovanni Ruffo.

I festeggiamenti inizieranno venerdì sera con la cena sociale che avrà luogo a partire dalle ore 20 presso la mensa della Scuola Media Gonin di via don Pogolotto. Un menù ricco di gustose portate delizierà non soltanto i palati degli adulti, ma anche quelli dei bambini, per i quali è stato infatti pensato un menù apposito. Per le prenotazioni è possibile contattare la panetteria “La spiga blu” allo 0119378572 o Claudio Ostorero al 3355725909.

L’indomani, sabato 12 novembre, nello spazio antistante la Scuola Media Gonin la manifestazione si aprirà alle ore 13.50 con la rievocazione storica del gruppo “A-Storia”. A seguire, dalle 14, inizierà il consueto pomeriggio dedicato ai giochi popolari per bambini, con premi per tutti. Inoltre saranno allestiti i gonfiabili per i bimbi ed il gruppo MTB  Cai Giaveno gestirà la 9^ Gimkana in Mountain Bike. E’ stata poi organizzata anche una grande gara al punto con ricchi premi. Alle ore 14.30 inizierà poi il 10° memoriale per i Fratelli Carlo e Mario, con una corsa podistica aperta a tutti, gestita da U.S. La Salle. Alla stessa ora si terrà anche la 4^ Dog Endurance di San Martino. Alle ore 16 una ricchissima merenda spetterà a tutti i bambini. A conclusione della giornata, alle ore 21 presso l’Istituto Giacinto Pacchiotti i Cori “Val Sangone” e “Giaveno InCanto” allieteranno i partecipanti alla serata con un concerto musicale.

Ultimo giorno di festeggiamenti sarà domenica 13: la giornata si aprirà alle 8.30 con la Passeggiata musicale della Banda Leone XIII accompagnata dal gruppo  les Mascottes per le vie del Borgo, guidati da San Martino a Cavallo ed il gruppo “A-Storia”. Alle 9.30 verrà celebrata la Santa Messa Solenne presso la Cappella di S. Martino in via Ruata Sangone, cui seguirà la distribuzione del pane della “carità”. Dopo la Santa Messa, alle 11.30 avrà luogo il rinfresco in Via Frossasco presso la casa del Priore, da cui proseguirà poi la passeggiata. Grande novità di quest’anno sarà l’apertura straordinaria del “Mulin du Detu”, il più antico mulino ad acqua di Giaveno. Risalente al 1218, il mulin du detu fu originariamente un mulino abbaziale, poi passato nelle mani di Benedetto Giai Via, Detu per l’appunto.  Situato in via Beale numero 8, esso funzionava (e funziona) grazie all’acqua proveniente da una presa del Sangone, il canale delle Fucine. Ormai in disuso da più di 30 anni, le sue macine riprenderanno a girare grazie al duro lavoro di Giuseppe Colombatti, bisnipote di Detu – e di sua moglie, grazie ai quali il mulino è stato ripulito e gode ora di un nuovo sistema di illuminazione. In occasione di San Martino, dalle ore 14 di domenica, sarà dunque possibile prendere parte a visite guidate del mulino e giri in carrozza nella la borgata. A chiusura dei festeggiamenti ci sarà un buffet alle ore 16 al “Mulin”.

Un ricco e vario programma, dunque, per festeggiare il patrono di una delle più antiche borgate di Giaveno.