Trenitalia: con la app arrivano le info personalizzate per gli smartphone anche sui treni regionali del Piemonte Esteso a tutta la rete piemontese il servizio di "smart caring". L'Assessore Balocco: "Soddisfa l’esigenza, sempre più sentita dai viaggiatori, di avere informazioni precise e tempestive"

Il nuovo servizio di smart caring sull'app di TrenitaliaIl nuovo servizio di smart caring sull'app di Trenitalia

TORINO – Se il ritardo del treno è un fastidio e un danno  per gli utenti, non saperne il motivo o i tempi di risoluzione è ancora più fastidioso, specie  quando si è a bordo di un convoglio fermo per un imprevisto. Gli imprevisti – essendo tali – capitano, ma almeno da oggi i pendolari piemontesi potranno conoscerne in diretta sul proprio smartphone e in tempo reale le cause e anche i tempi previsti per annullarli.

Arriva infatti anche in Piemonte il progetto di smart caring abilitato dalle nuove funzioni infopush della App di Trenitalia, disponibile per tutti i dispositivi con sistemi operativi iOS e Android. Da oggi gli utenti della rete ferroviaria saranno informati dal loro device mobile (smartphone, tablet) sulle cause di un eventuale ritardo, sulle previsioni di ripristino della normalità e sulle soluzioni alternative disponibili. L’applicazione fornisce a chi si iscrive di ricevere informazioni in tempo reale per fare scelte o eventualmente rivedere i programmi di viaggio, fornendo per ogni ritardo le cause che l’hanno generato, in modo che il pendolare possa anche farsi un’idea dei tempi in cui il disservizio possa rientrare. Notizie che saranno personalizzate e aggiornate in tempo reale sugli orari anche degli 800 treni regionali,  gestiti ogni giorno da Trenitalia. Il nuovo servizio di smart caring, è già stato sperimentato in alcune Regioni.

La app infatti è collegata direttamente alla sala di controllo del traffico. Ed è stata presentata oggi dalla direzione regionale di Trenitalia proprio nella sala di controllo della stazione di Torino Lingotto che ha una postazione dedicata al servizio.

 È un ulteriore passo avanti nella filosofia lanciata da Trenitalia, con l’obiettivo di: “innalzare la qualità del servizio e i rapporti con il cliente dal back-office al front-office con il nostro personale sui treni, nelle stazioni di assistenza a terra”.

“Con il coordinamento della control room integrata Rfi alla stazione del Lingotto di Torino i passeggeri potranno avere informazioni fino a 4 treni. Inoltre, ogni ritardo superiore ai 15′ o blocco della circolazione verrà subito segnalato e motivato” – ha spiegato  Francesca Raciti, direttore regionale Piemonte di Trenitalia. “Si tratta di una rivoluzione nel modo di fornire informazioni e assistenza al cliente che, con le tecnologie digitali, diventano “intelligenti” e personalizzate, per garantire a ogni cliente la migliore gestione del proprio tempo” .

“Si potrà essere informati automaticamente, all’ora richiesta, sull’andamento del proprio treno e ricevere le informazioni sulle condizioni delle linee prescelte”, secondo Annunziata Giaconia, direttore Divisione Passeggeri Regionale, illiustrando la nuova tecnologia digitali di Trenitalia.

“E’ un altro passo avanti per soddisfare l’esigenza, sempre più sentita dai viaggiatori, di avere informazioni corrette, puntuali e tempestive – ha sottolineato l’Assessore ai Trasporti della Regione Piemonte, Francesco BaloccoL’accordo ponte firmato con Trenitalia a fine settembre ha tra le sue parti rilevanti proprio la necessità di dare sempre maggiore trasparenza al servizio, con un flusso di informazioni sempre maggiore”.

Il POP-ROCK Tour in arrivo a Torino

Nel corso della presentazione è anche stato annunciato che arriverà presto a Torino il “POP-ROCK Tour” avviato a Bologna in questi giorni, nel corso del quale saranno presentati al pubblico i nuovi treni regionali di Hitachi e Alstom. .

Una rivoluzione per il trasporto ferroviario regionale e per i pendolari e i viaggiatori: all’avanguardia, accessibili alle persone con disabilità e a chi va in bici, dotati di tutti i confort e di servizi innovativi.  Questi convogli rientrano  cosiddetta “cura del ferro”, su cui stanno puntando Rfi, Trenitalia e Governo.

 I nuovi treni pendolari Pop e Rock
Entrambi i modelli sono elettrici. Monopiano i Pop, bipiano i Rock e potranno raggiungere la velocità massima di 160 km orari. Mentre i Pop saranno dotati di 300 posti a sedere (convogli composti da 4 elementi) e oltre 200 (per quelli composti da 3 elementi), con i modelli Rock si arriva rispettivamente a 600 e a oltre 450.

Entrambi sono accessibili alle persone con disabilità e hanno la possibilità di trasportare biciclette. I treni Pop inoltre, sono dotati di prese per pc tablet e cellulari, oltre alla rete Wi-fi a disposizione degli utenti.  Modelli che garantiscono una maggiore sicurezza grazie all’installazione di telecamere di videosorveglianza a bordo e, rispetto alla precedente generazione, di convogli consumeranno il 30% in meno di energia.

Le prossime date del tour – compresa Torino – saranno disponibili nel corso dei prossimi giorni sul sito http://www.lamusicastacambiando.it/

POP - Il nuovo treno regionale della Alstom

POP – Il nuovo treno regionale della Alstom

"Rock" il nuovo treno regionale della Hitachi

“Rock” il nuovo treno regionale della Hitachi