Una guida a fumetti per valorizzare il patrimonio monumentale della Valle La guida sarà distribuita presso i siti culturali coinvolti nel progetto, nelle scuole e nelle biblioteche

tante-voci-una-storia sacra

VALLE DI SUSA – È stata da poco pubblicata la nuova guida a fumetti su arte, intercultura e inclusione sociale dal titolo “Tante voci per una storia, racconti di integrazione culturale in Valle di Susa“, frutto del lavoro di oltre 100 ragazzi degli istituti di Istruzione Superiore della valle di Susa “Luigi Des Ambrois” di Oulx, “Norberto Rosa” di Bussoleno ed “Enzo Ferrari” di Susa. I ragazzi erano infatti stati coinvolti nel progetto “Gli Spazi del Sacro”, finanziato dal bando In Itiner@ della Compagnia di San Paolo, al fine di valorizzare il patrimonio monumentale, riuscendo a trasmettere i valori culturali dei luoghi coinvolti tramite l’integrazione di giovani e migranti.

Il progetto ha avuto come capofila ReCoSol, la rete dei Comuni Solidali, e ha visto la collaborazione del Centro Culturale Diocesano di Susa, del Piano di Valorizzazione territoriale “Valle di Susa, tesori di arte e cultura alpina”, degli Istituti superiori di valle, dell’Ecomuseo Colombano Romean, dell’Abbazia di Novalesa e della Sacra di San Michele in qualità di siti culturali coinvolti nella ricerca.

Questo lavoro è stato un’occasione per ripartire dai luoghi culturali e capire se sono ancora fonte di ispirazione e riflessione. Si dice che “l’arte è sempre contemporanea” ma è contemporanea solo se è viva. L’obbiettivo del progetto è stato di sperimentare nuovi modi di far rivivere questi luoghi. Grazie a questa opportunità, i partner culturali hanno sperimentato un nuovo modo di narrare i luoghi, ponendosi in ascolto di nuovi interlocutori e del loro bagaglio culturale e utilizzando un linguaggio innovativo: il fumetto” ha dichiarato Roberto Canu, tra i coordinatori del progetto.

Al progetto hanno collaborato anche celebri fumettisti quali Roberto Gagnor, Gigi Piras, Sara Antonellini e Manfredi Toraldo. Questa guida verrà distribuita presso i siti culturali coinvolti, nelle biblioteche e nelle scuole della valle di Susa.