Una nuova caldaia sotto l’Albero della Croce Bianca

caldaia

RIVALTA  – Da Babbo Natale, fra pacchi e doni, anche una nuova  caldaia per la locale Croce Bianca. Non richiesta da una lettera arrivata al Polo Nord, ma compresa nell’elenco delle prossima sostituzioni stilato dall’Amministrazione locale per gli edifici di proprietà comunale, una nuova caldaia dovrebbe presto arrivare a ovviare ai “blocchi” sempre più frequenti della ormai vecchia e insufficiente “collega”. “Il nostro obiettivo è evitare il freddo ai volontari, sostituendo l’intera caldaia appena possibile e nel frattempo rimpiazzando ciò che non funziona per permettere all’impianto di lavorare – spiega l’Assessore con delega alla Associazioni Marilena Lavagno – Tutto ciò con lo scopo finale di dare loro la possibilità di garantire il servizio”. Reduci dal “blocco” di venerdì che ha portato la temperatura dei locali di via Toti a 16 gradi centigradi e da quello più recente di sabato, gli uomini e le donne della Croce Bianca ringraziano e attendono speranzosi, “Perché essere volontari e sentirsi abbandonati nelle più elementari necessità è davvero triste”.