Una nuova condotta dell’acqua

CondottaCondotta

BUSSOLENO. Non è certo una novità l’utilizzo della cascata dell’acqua per produrre energia, così nacque la nostra industria a fine Ottocento. Solo in città di corrente regalata dall’acqua vivevano le due più grandi realtà industriali come la Ferro e le manifatture. E’ dunque buon segno che si ritorni a parlare di questo sfruttamento e che l’amministrazione ne favorisca progetti di sviluppo. Il consiglio comunale ha approvato il progetto di finanziamento per lo sfruttamento dei salti della parte iniziale della condotta che porta l’acqua potabile in paese dalla presa dell’Addoi, sulla montagna dell’Indiritto, a monte di Falcemagna, per la produzione di energia elettrica. La proposta di progetto è arrivata lo scorso mese di dicembre all’amministrazione comunale bussolenese da parte della società Manto Energia srl di Marostica, in provincia di Vicenza. L’investimento complessivo proposto dalla società veneta è di 2 milioni 250mila euro, ammortizzabile su un arco temporale di 30 anni, periodo al termine del quale gli impianti saranno al Comune.