Vaie: il Sindaco risponde sulla questione rifiuti e sullo stato del parco giochi Enzo Merini ha voluto spiegare la situazione in merito alle polemiche sorte negli ultimi giorni

16990392_10211370871297802_850912252_o

VAIE – Dopo le lamentele che si sono diffuse sui social riguardo sia alla situazione dello smaltimento dei rifiuti che delle condizioni in cui versa il parco giochi a Vaie, il sindaco Enzo Merini ha voluto rispondere alla popolazione, facendo chiarezza sugli interventi che il Comune della Valsusa sta realizzando sul proprio territorio

Il Sindaco di Vaie risponde sull’argomento parco giochi

Risale a qualche giorno fa la polemica nata sul web riguardo alle condizioni e allo stato dei giochi del parco di Via Martiri della Libertà, per lo più in cattivo stato se non addirittura  non agibili.
In particolare, al Comune di Vaie è stato fatto notare come nonostante siano arrivate lamentele fisiche da parte di più genitori, non sia stato preso provvedimento di sorta. A tal proposito, ha risposto alle nostre domande il Vice Sindaco di Vaie Elisabetta Serra:

Non è vero che si siano presentati più genitori a protestare in comune, noi ne abbiamo ricevuto solamente uno – ha detto la Serra – Però la realtà la conosciamo. Per cui provvederemo a sostituire le giostre e reinstalleremo il cartello di divieto d’uso dei giochi ai maggiori di 12 anni.
Ciò che ci dispiacerebbe fare – 
ha concluso il vice sindaco vaiese – sarebbe dover mettere delle telecamere, sia per individuare i responsabili di queste distruzioni, sia per identificare quei proprietari che portano i loro cani all’interno del parco, non preoccupandosi poi di pulire eventuali escrementi”.

All’intervento di Elisabetta Serra, ha poi fatto eco lo stesso  Sindaco Enzo Merini, esprimendo alcune perplessità riguardo le lamentele dei cittadini:

“Sarebbe auspicabile – ha detto il Sindaco – che ci si informasse sulle cose di cui ci si lamenta.
I problemi non si risolvono dall’oggi al domani, soprattutto considerando che il Comune non può spendere nulla se prima non incassa.
Grazie agli oneri di urbanizzazione provenienti dai lavori al MaxiSconto, abbiamo stanziato 22.000 € da investire all’interno del parco giochi per apportare un duplice intervento: il primo consisterà nell’acquistare alcuni giochi nuovi così da poter sostituire quelli usurati, mentre il secondo riguarderà la sostituzione della siepe che circonda il parco, con una recinzione.
Questo secondo intervento, andrà anche a migliorare sensibilmente le condizioni di sicurezza del parco, sia perchè permetterà una migliore visibilità delle mamme verso i figli impegnati nei giochi, sia perchè sarà installata un’unica via d’accesso – nella zona del posteggio, che sarà anche migliorato – il che eviterà ai bambini di sbucare fuori dai vari passaggi che vi siono nelle siepi attuali”.

Il Comune è stato anche accusato di ritardo negli interventi nonostante le sollecitazioni. Che risponde?

“Abbiamo aspettato per un semplice motivo – ha proseguito Merini –  perché per i Comuni che fossero riusciti ad approvare il bilancio entro gennaio 2017, ci sarebbe stata la possibilità di appaltare in quello stesso anno i lavori del 2016.
Noi siamo rientrati in questi parametri, tuttavia l’attesa è tecnica, e dovuta al semplice fatto che temevano che il freddo inverno di Vaie potesse guastare lo svolgimento dei lavori.
In ogni caso, è stata indetta una gara d’appalto – tuttora in corso – per la recinzione che è precedente alle lamentele. Questo appalto sarà assegnato entro la fine di marzo e i lavori avranno luogo tra aprile e maggio, mentre per quanto riguarda i giochi, il nostro obiettivo è quello di metterli a disposizione dei bimbi già dall’inizio della primavera”.

La  questione del servizio di raccolta rifiuti a Vaie

Altre polemiche, invece, sono state sollevate in merito allo stato delle isole ecologiche del paese , in particolare a quella di Piazza del Priore. Le critiche corrispondono alal realtà?

“C’è un forte dispiacere da parte del Comune  – risponde ancora Merini – rispetto ad un certo menefreghismo di una parte della cittadinanza verso l’immagine del nostro paese.
La situazione di Piazza del Priore è stata esasperata perché, in quei giorni, il camion del Comune era occupato dallo spargi sale. Nel frattempo, però, mano a mano che la gente arrivava e trovava rifiuti fuori posto, ne gettava altri.
Rifiuti che, essendo posizionati fuori dai bidoni, l’Acsel che gestisce il servizio, non sarebbe nemmeno tenuta a portare via.

Nel complesso il servizio di smaltimento è buono – ha concluso il sindaco Merini – ogni nuovo cittadino viene correttamente informato su come differenziare ed è inoltre presente un numero verde al quale ci si può rivolgere per far portare via gratuitamente e a domicilio dei rifiuti ingombranti.
Di contro, però, serve anche un minimo di coscienza civica ed educazione da parte dei cittadini, alcuni dei quali sono i responsabili di quelle azioni che poi altri lamentano”.

Questo slideshow richiede JavaScript.