Grazie a Vignale e Porchietto in Regione un documento a favore delle imprese montane La Giunta Chiamparino si impegna a diminuire l'IRAP e prevedere sgravi fiscali e snellezza burocratica per chi lavora nelle Terre Alte

PorchiettoVignale-777x437

TORINO – Il Consiglio regionale ha approvato oggi 19 gennaio un ordine del giorno che prevede lo studio di una serie di sgravi fiscali e burocratici per le zone montane, su proposta dei consiglieri di Forza Italia Claudia Porchietto e Gianluca Vignale ed impegna la Giunta Chiamparino ad “ aprire un percorso politico d’individuazione di possibili sgravi fiscali e burocratici nelle zone montane attraverso il coinvolgimento degli amministratori locali e a intervenire nei confronti del Governo affinché anche a livello nazionale siano previste specifiche forme d’incentivazione fiscale che favoriscano lo sviluppo dei territori montani”. 

“La nostra proposta – spiega la proponente del documento Porchietto – nasce dalla convinzione che l’istituzione di ‘zone a fiscalità di vantaggio’ consentirebbe di recuperare il deficit competitivo di cui soffrono storicamente alcune imprese e comunità presenti nei territori montani. Sono ben note infatti le difficoltà che si incontra a chi voglia fare impresa in aree marginali: basti ricordare che in 94 Comuni piemontesi non ci sono esercizi commerciali e in più di 300 ve ne sono meno di 3″.

Per Gian Luca Vignale, già Assessore alla Montagna nella Giunta Cota : “Anche altre Regioni stanno promuovendo percorsi di detassazione, in particolare dell’IRAP, e di misure di sostegno stabili per supportare la dinamicità del sistema produttivo in queste zone. Ora anche il Piemonte ha preso l’impegno di attivarsi in merito. La Giunta si adopererà anche a livello nazionale affinché siano previste norme specifiche stabili già dalla prossima Finanziaria come avviene nella maggioranza degli altri Stati della Unione Europea”.

L’istituzione di zone a fiscalità vantaggiosa – come chiesto nell’odg – consentirebbe di recuperare il deficit competitivo di cui soffrono storicamente le comunità e le imprese allocate sul territorio di montagna che presenta difficoltà sue peculiari per chiunque voglia avviare un’attività imprenditoriale e per gli stessi cittadini che lo popolano.

E’ opportuno  infatti – per il Consiglio Regionale che ha approvato l’iniziativa dei Consiglieri di Forza Italia – “garantire alla montagna opportunità di sviluppo al pari di quelle assicurate nelle zone urbane che incentivino specificamente le attività imprenditoriali”.

Ricordiamo come le “Aree Interne”, in cui rientrano le aree montane, costituiscano una delle tre opzioni strategiche d’intervento per la programmazione dei Fondi UE 2014-2020.

Secondo l’UNCEM Piemonte l’ordine del giorno approvato dal Consiglio regionale, su proposta del gruppo di Forza Italia “È di particolare rilevanza perché che impegna la Giunta a individuare agevolazioni fiscali per le imprese e gli esercizi commerciali del territorio montano. Un’azione necessaria, fondamentale – commentano i vicepresidenti Uncem Paola Vercellotti e Marco Bussone – che risponde a una reale necessità del territorio e delle aziende. Individuare zone a fiscalità di vantaggio nelle Terre Alte è un’esigenza concreta, non più rinviabile. È un tema che UNCEM solleva da tempo, a tutti i livelli con centinaia di Sindaci e Amministratori. Ora si passi all’azione.”